Ripristinare la sicurezza degli account social

Condividi su:

Qualche consiglio per scongiurare e risolvere i problemi di sicurezza e accesso a Facebook, Twitter, Google+ e Linkedin

La maggior parte degli utenti iscritti regolarmente ad almeno uno dei principali social network tende a tralasciare la sicurezza del proprio account, ignorando le possibili minacce di violazione e furto d’identità. Le infrazioni degli account social, da Facebook e Twitter a Instagram  e LinkedIn, sono piuttosto diffuse e spesso causate da cattive abitudini di navigazione o di connessione a reti sconosciute. Allora cosa fare per proteggersi sui social network? Come comportarsi se ci si accorge che l’account è stato violato? Ecco le mosse per mettere in sicurezza i propri profili social.

Come proteggersi sui social network. Oltre che rappresentare una minaccia per la nostra privacy, le infrazioni ai social possono impedirci di accedere al nostro account (la nostra password risulta errata anche se siamo sicuri di averla digitata correttamente), oppure possono generare e postare messaggi fasulli visibili alla nostra community di amici, spesso anche taggando i nostri contatti, che sono così portati a cliccare. Per stare tranquilli, ci sono alcuni comportamenti da evitare su Facebook, Twitter, Instagram, LinkedIn e gli altri:

  1. Mai memorizzare la password nel browser: esistono infatti diversi metodi e app per estorcerla. Per salvare la password in sicurezza, si possono usare queste app.
  2. Meglio non connettersi ai social su pc pubblici, per due ragioni: il pc potrebbe essere affetto da malware e le informazioni digitate sulla tastiera, come password e utenze, venire intercettate.
  3. Attenzione alle distrazioni: se chiudete il browser dimenticandovi di effettuare il logout del profilo, la sessione resterà aperta ai visitatori futuri.

Ripristinare la sicurezza del profilo Facebook. Se ritenete che il vostro profilo o la pagina Facebook siano stati violati, potrete utilizzare lo strumento di diagnostica per la sicurezza, messo a disposizione dal Social Network stesso. Questo sistema effettuerà un’analisi approfondita dei vostri dati per valutare eventuali intromissioni, suggerendo le modifiche da apportare. Se non riuscite più a entrare nel vostro profilo, potrete reimpostare la password e successivamente tutelarvi attivando la funzione di sicurezza “approvazione degli accessi” che richiederà l’inserimento di un codice numerico, ricevuto sul proprio smartphone, ogni volta che si tenterà di accedere al proprio profilo da dispositivi sconosciuti. Per fugare ogni dubbio e preoccupazione, nella sessione “impostazioni” del menu generale del social network è possibile selezionare la voce “Dispositivi da cui hai effettuato l’accesso” disattivando gli accessi anomali e indesiderati avvenuti dai luoghi e dispositivi elencati.

Problemi di accesso e sicurezza con Instagram. Il social network orientato alla condivisione delle fotografie appartiene a Facebook e per molti aspetti le impostazioni di sicurezza sono le medesime. In caso di problemi di account e password su Instagram è necessario accedere al Centro assistenza di Instagram e alla sezione “Privacy e centro per la sicurezza”, scegliendo la soluzione più adeguata al proprio problema di accesso al portale e quindi seguire le istruzioni.

Privacy e sicurezza dell’account Twitter. I profili Twitter possono essere compromessi in caso d’inserimento del proprio nome utente e password all’interno di applicazioni di terze parti o all’interno di un sito web dannoso. Altri rischi possono essere legati all’utilizzo di password poco sicure, alla presenza di virus o malware sul computer e alla connessione fatta tramite reti sconosciute. Twitter dedica la pagina “il mio account è stato compromesso” alle possibili casistiche e risoluzioni in caso di problemi di accesso e sicurezza del social. Se l’accesso al profilo non è più possibile bisognerà seguire il link ufficiale di reset password, inserendo un dato personale tra email, numero di telefono o nome utente.

La sicurezza del proprio account Linkedin. Anche il social network del lavoro può essere soggetto a pericolose falle di sicurezza. Recentemente la piattaforma ha chiesto a 110 milioni di utenti di cambiare la propria password per scongiurare furti di dati. In caso di mancato accesso al profilo a causa di violazioni e cambio password è possibile correre ai ripari con l’opzione di cambio password, basta inserire il proprio indirizzo mail associato alla registrazione. Inoltre è possibile verificare gli accessi e i dispositivi utilizzati per accedere al portale bloccando la navigazione a quelli indesiderati. A differenza degli altri social, Linkedin offre un modulo di contatto da compilare, qualora tutti i tentativi di accesso al sito falliscano e non fosse più possibile modificare la password personale.

Risoluzione dei problemi di sicurezza Google+. Questo social network è soggetto alle modalità di sicurezza prevista per l’account Google. In caso di sospetta violazione o impossibilità di accedere al proprio profilo, occorre seguire la procedura di risoluzione dei problemi offerta dal portale. La procedura guidata di Google permette di selezionare il proprio caso offrendo una serie di suggerimenti e azioni per rientrare in possesso dell’account, mettendolo in sicurezza e resettando la password. Nella pagina accesso e sicurezza è possibile abilitare funzionalità aggiuntive, come la verifica di accesso in due passaggi, la modifica dell’indirizzo email di recupero password e il controllo di dispositivi e app c