10 consigli per viaggiare con i bambini

Condividi su:

Pacchetti vacanze a misura di bimbo, passeggini a noleggio, la farmacia da viaggio e tutto quello che vi serve per partire con la famiglia

Qualunque sia la vostra meta, mare o montagna, città o villaggio vacanze, alcuni accorgimenti aiutano a partire tranquilli con i bambini, evitando sorprese e spese extra. Dalle piattaforme su cui noleggiare i passeggini all’occorrente per il bagaglio a mano, dalle app per intrattenere i più piccoli in viaggio alle regole per proteggerli dal sole, fino ai portali dove trovare pacchetti vacanze a misura di bambino, ecco come organizzare la vostra partenza in famiglia.

  1. Scegliere una meta a misura di bambino. Se ancora non avete programmato le vacanze, scegliete una struttura a prova di bimbo su uno dei portali che offrono pacchetti e offerte adatti alle famiglie. Tra Its4Kids e Bimbo in viaggio troverete di certo quello che fa per voi.
  2. In aereo, attenzione particolare per il bagaglio a mano. Se viaggiate in aereo, portate nel bagaglio a mano gli oggetti particolarmente cari ai bambini: giocattoli, peluche, copertine, tablet con le app e le musiche preferite, carta per disegnare ecc. Li aiuteranno a sentirsi più rilassati e trascorrere il tempo più facilmente. Per i più piccoli, ricordarsi un cambio adeguato di pannolini e vestiti confortevoli e una copertina extra per contrastare l’aria condizionata.
  3. Intrattenere i bambini in viaggio. Le iniziative e gli eventi per i più piccini in tutta Italia, i giochi da fare in auto, treno o aereo per intrattenere i bambini, le gite consigliate – tutto ciò che può aiutare i vostri piccoli a non annoiarsi si trova su Quantomanca, portale che è una maniera di idee e suggerimenti.
  4. Idratazione, importante in viaggio ma anche all’arrivo. Garantire un adeguato apporto di liquidi per mantenere una buona idratazione: il caldo e l’aria condizionata aumentano la quantità di liquidi persi attraverso sudorazione e traspirazione ed è dunque importante aumentarne la quantità introdotta. Acqua minerale, tè o succhi di frutta diluiti dissetano e reintegrano i sali minerali senza appesantire con troppe calorie. Le bevande non dovranno mai essere troppo fredde per evitare il rischio congestione: se il bambino è abituato a bere utilizzando il biberon o un particolare bicchiere non dimenticare di portarlo con sé.
  5. La farmacia da viaggio. Importante per chi visita mete esotiche, isole e altri luoghi isolati o dove la reperibilità dei farmaci italiani non è assicurata. Portare sempre con sé un’adeguata farmacia da viaggio che contenga almeno un termometro, cerotti e disinfettanti per la cute, disinfettante per ciucci e biberon, paracetamolo per la febbre, fermenti lattici, soluzioni reidratanti orali, un antibiotico a largo spettro che non richieda di essere conservato in frigorifero una volta ricostituito e una soluzione fisiologica. Non dimenticare mai creme solari ad alta protezione, cappellino e occhiali da sole, una pomata per eventuali scottature e un collirio. In aereo, è meglio portare l’occorrente in cabina nel bagaglio a mano, per avere tutto con sé nel caso in cui le valigie affidate alla stiva dovessero perdersi o arrivare in ritardo. In caso di emergenza, scaricate le app per trovare il pronto soccorso più vicino o la farmacia di turno.
  6. Noleggiare il passeggino a destinazione. Per alleggerire il bagaglio, si può valutare di affittare il passeggino nel paese di destinazione. BabyGuest è una piattaforma online dove è possibile noleggiare ogni tipo di attrezzatura dedicata alla prima infanzia. A Barcellona si affitta il passeggino su Backpackbaby, a New York su BabyChicNy, a Londra potete visitare il sito Baby Equipment Hire London.
  7. La dieta dei bambini in vacanza. Prima e durante il viaggio offrire cibi leggeri, digeribili e soprattutto in dosi contenute, privilegiando pasti piccoli e frequenti ed evitando condimenti, cibi grassi o fritti, per ridurre il rischio di cinetosi (mal di moto). Ricordare sempre che i disturbi intestinali durante i viaggi, possono essere prevenuti evitando l’assunzione di cibi poco cotti, frutta che non si possa sbucciare e verdura cruda, salse fatte in casa, dolci e budini di produzione artigianale, ghiaccio e acqua non imbottigliata o ben sigillata.
  8. In spiaggia, scegliere le giuste creme solari. Le creme solari adatte per l’infanzia generalmente hanno un fattore di protezione dal 50 in su. Meglio se sono colorate, per aiutare a vedere subito le zone che rimangono scoperte. Se possibile, sceglietele senza parabeni: chiedete in farmacia o informatevi sulla composizione chimica consultando un sito come In-Gredients. Ricordatevi inoltre i consigli sempre validi per proteggere i bimbi dal sole, dagli orari meno pericolosi all’abbigliamento.
  9. Abbigliamento e accessori. Per i più piccoli preferite abbigliamento comodo e traspirante, in fibre naturali. Non sottovalutate il sole: gli occhi dei bambini sono particolarmente delicati e bisogna scegliere occhiali a noma con il marchio CE. Acquistateli in un negozio  di ottica ed evitate le bancarelle, preferendo le lenti scure. Sì ai colori vicini al marrone, al grigio/verde no invece a quelli colorati tipo giallo o rosa. Optate poi per una montatura in plastica, robusta e permette anche di contenerne il peso.
  10. Compiti per le vacanze, le app da portare con sé. In generale, se andate in viaggio per due-tre settimane, è meglio far godere ai bambini un periodo di riposo e gioco totale, ma se le vostre vacanze sono più lunghe bisognerà attrezzarsi per i compiti. Per evitare di caricare i vostri bagagli di libri e quaderni, portate il tablet e scaricate le app giuste. Da MathBoard per la matematica alle risorse infinite di OilProject, scoprite le app per i compiti delle vacanze e i siti che assistono i genitori con i compiti.