I migliori Parental Control per proteggere i minori

Con smartphone, computer e tablet la tecnologia è ormai alla portata di tutti. Vediamo come proteggere bambini e minori dai contenuti dannosi e inadatti, limitando l'utilizzo di Internet e delle app sui dispositivi

Le nuove generazioni di bambini e ragazzi hanno la fortuna di essere nativi digitali, ovvero nati e cresciuti in concomitanza con il boom di Internet e delle nuove tecnologie. Secondo uno studio condotto dal Centro per la Salute del Bambino Onlus di Trieste, in Italia l’80% dei bambini tra i 3 e 5 anni sa già come usare lo smartphone. La fruizione dei dispositivi digitali da parte dei minori può però rappresentare una minaccia reale, se non debitamente controllata da adulti e genitori. A tal proposito, esistono i Parental Control, strumenti creati ad hoc per limitare e filtrare l’utilizzo del web e dei dispositivi, scongiurando al massimo i pericoli per i minori. Spesso, le opzioni per il controllo parentale sono già integrate nel sistema operativo di Smartphone, PC e Tablet, in altri casi ci si può avvalere di app o software di terze parti, da installare sui dispositivi. Spieghiamo quali sono i migliori Parental Control gratuiti e come devono essere utilizzati. Idee per risparmiare, utilizzando gli strumenti già integrati nel sistema operativo o le app gratuite presenti negli store.

Parental Control per PC Windows 10 e Console Xbox. I computer con Windows 10 configurati per uso domestico, utilizzano un account Microsoft per poter accedere e scaricare le app. Ciascun utilizzatore del PC dovrebbe utilizzare il proprio account per fruire di contenuti e utilizzare il dispositivo in autonomia. I genitori che desiderano impostare il Parental Control per Windows 10 devono filtrare e limitare le utenze dei minori accedendo alla pagina del controllo utente Microsoft dedicato a questo servizio. È possibile aggiungere uno o più account, corrispondenti a tutti i membri della propria famiglia, assegnando ad essi particolari restrizioni o autorizzazioni. In sostanza, potremo creare un account Microsoft limitato, che il minore utilizzerà per accedere al computer senza pericoli. Tramite questa procedura è possibile impostare restrizioni sull’acquisto di nuove app, controllare l’attività online dei propri figli, limitare il tempo di utilizzo del dispositivo a determinate ore della giornata e filtrare la navigazione di alcuni siti o video, nello stile del nuovissimo YouTube Kids. Tutte queste configurazioni potranno essere gestite e modificate in ogni momento, accedendo da browser al proprio account Microsoft genitore.

Impostare il Parental Control su iPhone, iPad e iPod touch. I dispositivi con sistema operativo iOS integrano uno strumento chiamato “Restrizioni”. È molto semplice da utilizzare e permette di limitare l’utilizzo di app o servizi di smartphone e tablet Apple. Il controllo parentale di iPhone e iPad è facile da impostare: basta accedere alle Impostazioni > Generali > Restrizioni, cliccare su “Abilita restrizioni” e inserire un codice personale che permetterà di modificarle o disabilitarle in qualsiasi momento. Tramite questo strumento è possibile disabilitare alcune app del dispositivo e filtrare i contenuti fruibili in base al paese di provenienza, agli argomenti e tanto altro. Inoltre è possibile limitare il volume dell’audio, disattivare i giochi online, bloccare la disattivazione della geolocalizzazione dello smartphone, i contenuti per adulti o limitare la navigazione, solo a determinati siti web. Si tratta di uno strumento molto utile, facile da configurare ed essenziale per la tutela dei minori.

Controlli parentali per i Macintosh con OSX. All’interno delle preferenze di sistema dei Macintosh con OSX è presente il menu per attivare e gestire i controlli parentali. Per configurare questo strumento è sufficiente accedere al menu Apple > Preferenze di Sistema e cliccare su “Controlli parentali”. In questa pagina sarà possibile impostare diversi limiti e filtri per ciascun utente configurato sul proprio Mac. Tra i controlli parentali disponibili c’è il blocco dell’App Store, i filtri sulla navigazione a Internet e i limiti di tempo per impedire l’utilizzo di Internet in determinati orari della giornata.

Le app Android di Parental Control. Su Google Play Store esistono numerose app dedicate al parental Control per dispositivi Android. La più celebre è dedicata ai più piccoli e si chiama Spazio Bimbi Parental Control. Questa app permette, con delle semplici operazioni di trascinamento a video, di abitare o disabilitare le app da far utilizzare al minore e di limitare alcune funzionalità del dispositivo. La versione gratuita è limitata ad alcune funzionalità mentre quella commerciale offre opzioni complete, come il filtro delle connessioni, il blocco delle chiamate e SMS e la disattivazione degli acquisti di app. Un’altra app utile per proteggere i minori su Android è Serratura(AppLock), una soluzione utile soprattutto nei casi in cui i figli utilizzano smartphone e tablet dei genitori. Questa app offre numerose funzionalità e permette di proteggere SMS, email, foto, app e qualsiasi file presente nel dispositivo. Inoltre è dotata di configurazioni che consentono di nasconderla al minore, bloccare chiamate, personalizzare lo sfondo e impedire l’acquisto e l’installazione di altre app. Si tratta di uno strumento utile per proteggere i dati presenti sullo smartphone e il Parental Control.

Utilizzare il Parental Control del Router Wi-Fi. Questa soluzione è la più complessa tra quelle proposte, ma è altrettanto efficace. Tutti i modelli di router Wi-Fi domestici, compresi quelli offerti in comodato d’uso degli operatori, permettono di attivare la funzione di Parental Control per controllare le attività su Internet dei minori, impedendo l’accesso ad alcuni siti o limitando la navigazione in determinati orari della giornata. Si tratta di una soluzione che permette di tutelare figli e minori all’interno di casa, su alcuni dispositivi connessi al router. Le impostazioni di Parental Control per il router variano a seconda di marca e modello del dispositivo. Solitamente, per attivarle occorre fare il login nella pagina di configurazione del router, accedendo al browser Internet e digitando indirizzo e password predefinita del router, a seconda del proprio modello (solitamente 192.168.1.1). All’interno della pagina di configurazione, sarà sufficiente selezionare la voce Parental Control e cliccare su “Attiva”, inserendo l’indirizzo MAC Address del dispositivo da limitare e le relative impostazioni.

E voi che strumento di controllo parentale utilizzate per i vostri figli? Ci piacerebbe conoscere la vostra opinione sull’argomento e magari qualche proposta alternativa.