Ecommerce: cosa cambia dopo l’abolizione del geoblocking

Stop al geoblocking. Dopo l'ok del Parlamento Ue, entro la fine dell'anno saranno abolite restrizioni e discriminazioni per gli acquisti online. Ma cosa cambia?

Quello del 2018 sarà un Natale all’insegna dello shopping online senza barriere? È ancora presto per dirlo, ma tutto sembra andare verso questa direzione. Con l’abolizione del geoblocking approvata dal Parlamento Ue, infatti, finalmente per i consumatori sarà presto possibile fare acquisti online su qualsiasi sito all’interno dell’Unione europea, evitando discriminazioni e restrizioni. Ma cos’è esattamente il geoblocking? Finora, quando cercavamo un prodotto su un sito di ecommerce, automaticamente il sistema riconosceva la nostra localizzazione e ci reindirizzava sulla versione italiana del sito o in quella del paese da cui lo stavamo consultando. Oppure spesso capitava che, una volta inseriti i dati della nostra carta di credito o debito, la transazione venisse annullata, proprio a causa della provenienza del metodo di pagamento inserito. Entro la fine dell’anno, però, le cose cambiano e il geoblocking è destinato a diventare un ricordo.

Quali vantaggi comporta per gli acquirenti? I consumatori potranno avere un accesso transfrontaliero più agevole a prodotti e servizi acquistati online. I cittadini dell’Unione europea potranno scegliere in quali siti acquistare, senza essere bloccati o catapultati automaticamente su un’altra versione del sito a causa della loro nazionalità, del luogo di residenza o della loro ubicazione temporanea. Finalmente potremo dire addio al cosiddetto reindirizzamento, quel fastidioso processo che mostrava promozioni disponibili solo per un determinato Paese e che, dopo aver cliccato sull’offerta, ci portava nella versione italiana dello shop dove, nella maggior parte dei casi, la promozione non era disponibile e il prezzo era diverso da quello iniziale.

Cosa devono garantire i commercianti. I commercianti dovranno garantire ai clienti lo stesso trattamento, a prescindere dalla loro provenienza. Gli acquirenti locali, perciò, saranno trattati alla stregua di qualsiasi acquirente proveniente da un altro Paese all’interno dell’Unione europea. Saranno quindi garantite le stesse condizioni di vendita e, soprattutto, anche gli stessi prezzi: finora, infatti, capitava spesso di assistere inermi ad antipatiche variazioni di prezzo dovute al reindirizzamento del sito alla sua versione locale. La nuova normativa vieta esplicitamente anche differenti condizioni di vendita applicate sulla base del Paese di emissione della carta di credito o debito.

Quali acquisti possono beneficiare dell’abolizione? Al momento la normativa non viene applicata indistintamente a tutti gli acquisti online. Possono beneficiare dell’abolizione del geoblocking le transazioni effettuate:

  • Quando si acquistano beni fisici come per esempio prodotti di elettronica e abbigliamento: questi possono essere ritirati in un luogo concordato oppure spediti in un qualsiasi Stato membro dell’Unione europea. In questo caso gli e-shop dovranno garantire le stesse condizioni di consegna offerte agli acquirenti locali.
  • Per l’acquisto di servizi elettronici non coperti da copyright: è il caso di servizi di cloud, firewall, memorizzazione di dati o hosting di siti web.
  • Per la prenotazione e l’acquisto di soggiorni in hotel, noleggio auto, parcheggi o biglietti per eventi musicali o sportivi: i cosiddetti servizi forniti nei locali commerciali o in un luogo fisico in cui opera il commerciante.

Ebook, musica e trasporti: ancora esclusi. Nella normativa i deputati Ue hanno già inserito quella che viene definita “clausola di revisione”: la Commissione europea si impegna a valutare entro due anni se il divieto di geoblocking debba essere esteso anche ad altri acquisti che, al momento, sono di fatto esclusi. Rientrano tra questi:

  • L’acquisto di contenuti digitali protetti da copyright, come gli ebook, musica o giochi online.
  • L’acquisto di servizi audiovisivi e di trasporto.

Ti è mai capitato di imbatterti in blocchi di questo tipo durante un acquisto online? Raccontaci com’è andata tra i commenti!