Un’ora al buio per salvare la Terra

Condividi su:

Sessanta minuti senza luce per fermare il cambiamento climatico e proteggere il pianeta: anche il nostro Paese aderisce all’Ora della Terra. Come e dove – sul web e nelle piazze – aderire all’appello del Wwf.

Spegnere le luci per salvare il mondo. Agire in prima persona per ridurre le emissioni di gas serra, intervenendo sui consumi d’energia e, ancor di più, stimolando i governi ad adottare politiche energetiche rispettose della natura. L’ottava edizione di Earth Hour, in programma domenica 29 marzo, ha un obiettivo ambizioso: mobilitare il mondo per proteggere il clima. Per farlo, il movimento globale del Wwf spegnerà non solo simbolicamente le luci per un’ora in ogni angolo del pianeta.

Tutti possono aderire all’iniziativa. L’anno scorso l’Ora della Terra ha visto partecipare oltre due miliardi di persone in 7.000 città e 154 Paesi del mondo. Quest’anno lo spegnimento delle luci partirà dalle Isole Samoa (20,30 locali – 8,30 in Italia) e si chiuderà a Tahiti, passando per Amazzonia e Artico. A turno e per un’ora rimarranno al buio l’Empire State Building, il Tower Bridge, la Porta di Brandemburgo, la Torre Eiffel, il Cremlino e la Piazza Rossa. L’Italia non sarà da meno: luci spente a San Pietro (Cupola e facciata), Firenze (piazzale Michelangelo e Basilica di Santa Croce), Venezia (Piazza San Marco e Palazzo Ducale), Milano (Palazzo Lombardia), nella Valle dei Templi e in moltissime altre città. Tutti possono aderire all’iniziativa spegnendo per un’ora la luce a casa, in ufficio, nei musei, segnalando la propria partecipazione sul sito dell’evento e postando le foto sulla relativa pagina Fb.

Le iniziative in giro per l’Italia. In occasione dell’Earth Hour sono in programma moltissime iniziative.

  • Roma, tra fumetti e artisti. A piazza San Pietro a Roma, insieme a testimonial e artisti, ci sarà anche il fumettista Giacomo Bevilacqua (autore della serie di fumetti “A Panda Piace”) che realizzerà un’installazione dedicata al Panda e ai temi di Earth Hour su un pallone aerostatico di tre metri che verrà poi alzato in volo in piazza alle 20.30
  • Milano, laboratori per bambini. A Milano dalle 20.30 alle 21.30 si spegneranno le luci dei più importanti palazzi cittadini. Dalle 15 alle 18 nei giardini di via Tommaso da Cazzaniga ci saranno stand informativi, iniziative e laboratori didattici per adulti e bambini, giochi su energia rinnovabile e impronta ecologica, truccabimbi e intrattenimenti musicali con la Cooperativa “Cambiamo”.
  • Firenze, si guardan le stelle. Nel piazzale Michelangelo, a Firenze, si potranno osservare le stelle con i telescopi dell’Osservatorio Astrofisico di Arcetri.
  • Napoli, focus sulle rinnovabili. A Napoli, dove durante l’Earth Hour si spegnerà il Maschio Angioino, il Wwf Campania sarà presente all’Energy Med, fiera dedicata all’efficienza energetica e alle rinnovabili, per sensibilizzare al risparmio energetico
  • Padova, il risparmio è anche economico. Alcune iniziative puntano a mettere insieme risparmio energetico ed economico. Un esempio? A Padova il negozio Deterfriend il 29 marzo regalerà mezzo litro di detergente a chi si presenterà con un flacone vuoto. Obiettivo: eliminare il maggior numero di bottiglie di plastica in sessanta minuti.
  • A Venezia si cammina. A Venezia si spegneranno le luci di Piazza San Marco e del Palazzo Ducale. L’evento si aprirà con una camminata con il Nordic Walking di Mestre con partenza a Piazzale Roma alle 19.30 (il percorso: Santa Margherita, Accademia, Santo Stefano, San Maurizio, Via 22 Marzo, arrivo a Piazza San Marco).
  • Bologna, gazebo in Piazza Maggiore. A Bologna dalle 19 il Wwf sarà presente con un gazebo in Piazza Maggiore in attesadello spegnimento delle luci del palazzo comunale. Durante l’evento saranno trasmessi documentari e saranno distribuiti volantini per spiegare i benefici del risparmio energetico.
  • A Palermo, Teatro Massimo al buio. A Palermo si spegneranno le luci della facciata del Teatro Massimo. I volontari del Wwf saranno presenti con bandiere e striscioni e distribuiranno materiali informativi.

Anche Spider-Man si mobilita. Quest’anno per l’Earth Hour scende in campo anche Spider-Man, diventato ambasciatore grazie a un accordo con la Sony Pictures in occasione del lancio di “The Amazing Spider-Man 2: Il Potere di Electro” in 3D (la produzione più eco-compatibile nella storia della Columbia Pictures. In Italia il film è distribuito dalla Warner Bros Pictures e sarà nelle sale dal 23 aprile). Tra i media partner dell’evento c’è Repubblica.it, che invita i lettori a raccontare fino al 2 aprile, in trecento battute, in un’apposita pagina, la propria ora di buio. I migliori scritti, scelti da un team del Wwf, vinceranno tre doppi ingressi gratuiti in un’oasi Wwf.

Dal 28 al 30 marzo “Fa’ la cosa giusta”. Nell’ambito delle iniziative che promuovono consumo critico e stili di via sostenibili, si segnala, in contemporanea con lo svolgimento dell’Ora della Terra, l’undicesima edizione di “Fa’ la cosa giusta”, fiera nazionale che si svolgerà dal 28 al 30 marzo a Fieramilanocity (padiglioni 2 e 4). L’evento punta a diffondere sul territorio nazionale le buone pratiche di consumo critico e a valorizzare specificità ed eccellenze nazionali. In programma ci sono 170 appuntamenti tra tavole rotonde, convegni, laboratori e spettacoli. La fiera – in cui è prevista la presenza di 700 espositori – è divisa in 11 sezioni tematiche: abitare green, commercio equo e solidale, cosmesi naturale e biologica, critical fashion, editoria e prodotti culturali, il pianeta dei piccoli, mangia come parli, mobilità sostenibile, pace e partecipazione, servizi per la sostenibilità, turismo consapevole. Tutte le informazioni sull’evento sono disponibili qui.