Una scampagnata a Pasqua? Sì, ma in bici

Condividi su:

Approfittate di questo weekend per organizzare una gita all'aria aperta su due ruote. Ecco alcuni itinerari per grandi e per piccini...

2 milioni. Secondo la Fiab gli italiani appassionati di bicicletta sono due milioni.

Organizzare la Pasqua. Con le prime giornate di sole, cresce la voglia di stare all’aria aperta. Ecco alcune proposte per organizzare una Pasqua in bicicletta, da soli o con tutta la famiglia.

3.565 itinerari ciclabili. PisteCiclabili.com, con i suoi oltre 27mila iscritti, è uno dei siti di riferimento per gli appassionati delle due ruote. Online si trovano 3.565 itinerari italiani, tutti organizzati geograficamente e distribuiti su una rete di 53.708 km. Per scegliere dove andare si seleziona una regione e una provincia e, cliccando sul nome della pista, compare una tabella con tutti i dati che interessano: distanza totale, grado di difficoltà (facile, medio o difficile), tipologia (strada, ciclabile, sentiero, ciclostrada, ciclopedonale), fondo (asfalto, terra o misto), pendenza e dislivello totale, luoghi di interesse. A disposizione anche cartine dettagliate e tracciati da scaricare sul gps o stampare. Interessante la sezione dedicata alle ciclabili per i bimbi, che segnala i percorsi lontani dal traffico e percorribili con il carrellino (per bambini fino ai 4 anni).

Bimbimbici. Se poi i bimbi si appassionano e si divertono, si può mettere in calendario, per il 13 maggio, la tredicesima edizione di Bimbimbici, la manifestazione nazionale che la Fiab dedica ogni anno a bimbi, genitori e nonni. A spasso su due ruote, per le 121 città italiane coinvolte nell’iniziativa (tra cui Roma, Milano, Napoli, Torino, Bologna, Rimini, Cagliari, Palermo, Firenze…), i più piccoli avranno modo non solo di passare qualche ora all’aria aperta, in tutta tranquillità, ma, soprattutto, di apprezzare i vantaggi e la bellezza dell’uso della bicicletta in città. Per conoscere i comuni aderenti e avere maggiori informazioni, consultare www.bimbimbici.it.

Mappe. Su Cicloturismo.com si inserisce dove ci si trova sulla mappa di Google e subito compaiono tante piccole icone quante i percorsi ciclabili presenti nella zona. Per ognuno viene fornita la lunghezza in chilometri, la difficoltà, il fondo, i dislivelli, i monumenti da visitare, i ristoranti…. Informazioni dettagliate sono disponibili anche su BikeMap.net. Anche qui si apre la mappa di Google, si sceglie la zona, si seleziona l’icona di una bicicletta e si hanno a disposizione tutti i dati importanti del percorso. Ogni tracciato si può stampare o scaricare.

La coppia green. Il 9 aprile sarà la Giornata Nazionale Bicintreno e, grazie a un accordo tra Fiab e Trenitalia, chi si sposterà in treno potrà portare gratis con sé la propria bici. Diversamente, si può pensare a noleggiare una bici sul posto o sfruttare il servizio di bike sharing, disponibile ormai in molte città italiane.

Come Pantani. A Pasquetta, dal lungomare Carducci di Cesenatico, parte la 5° edizione della «Pantanissima», una granfondo dedicata a Marco Pantani. Sono previsti 2 percorsi: uno breve da 110 km per i meno allenati e uno lungo da 160 km. Partenza ore 8. La quota d’iscrizione é di 35 euro.

Alcune delle proposte. Nolo Bike Parma noleggia tutti i giorni biciclette a chi vuole visitare sulle due ruote le località turistiche della Bassa parmense, seguendo il percorso del Po, con la possibilità anche di caricare la bicicletta in barca e navigare sul fiume. Costi: dai 4 ai 10 euro. Non occorre essere particolarmente allenati per il giro nel Salento (Lecce, Gallipoli, Santa Maria di Leuca e Otranto) che propone Girolibero.it. Il percorso è per lo più  pianeggiante e si snoda su strade secondarie con poco traffico. La quota a persona in doppia è di 550 euro in hotel a 3 stelle, compreso colazione, due cene, noleggio bici, accompagnatore, trasporto bagagli e assicurazione. Partenza: giovedì 5 aprile. Windtrack.it ha pensato invece a una Pasqua in mountain bike: 5 giorni da Firenze a Gubbio, passando per Vicchio, Casentino, Anghiari, Monte Santa Maria Tiberina. È richiesta una buona preparazione fisica e l’abitudine alla bici. Per informazioni sui prezzi: wild@wildtrack.it. Un classico che piace sia a italiani che stranieri è il lago di Garda. Gardaonbike.com organizza un camp di 3 giorni (dal 6 al 9 aprile) sia per principianti che per esperti a 399 euro in doppia, con la possibilità di affittare la bici e tutta l’attrezzatura necessaria (casco, guanti, protezioni…).

Prima di salire in sella. Per non correre rischi, prima di partire per un giorno o per una settimana è meglio fare una serie di controlli alla propria bici: dai bulloni ai freni, dai mozzi alle gomme delle ruote. Chi non sa da dove partire può dare un’occhiata a DoctorBike di ciclobby.it: fornisce indicazioni utili per la manutenzione del mezzo e la riparazione dei guasti più comuni.

La bici giusta. I modelli più diffusi sono quattro: la bici da strada, la mountain bike, la tutto terreno, la bici da passeggio. La bici da strada è, in pratica, quella che usano i corridori, ha le ruote strette e il manubrio ricurvo ed è adatta per strade asfaltate. La mountain bike è ideale per le strade sterrate, con pendenze anche accentuate. La tutto terreno (o hybrid) è una via di mezzo tra la mountain bike e la bici da strada. Rende bene sia sull’asfalto che sullo sterrato. Versatile, va bene sia per le escursioni giornaliere che per un weekend lungo. La bici da passeggio (o “olandese”) è utilizzata per percorsi pianeggianti non troppo lunghi. Ricordarsi sempre il casco e un abbigliamento adatto. Meglio anche portare gli occhiali da sole, che proteggono dalla luce, ma soprattutto dagli insetti.

Albergabici. Per trovare alberghi, agriturismi e campeggi che offrano servizi per ciclisti (riparo per il mezzo, noleggio bici, disponibilità di officina, menu rinforzati…) c’è albergabici.it. Le strutture sono divise per regione e provincia e le informazioni sono aggiornate annualmente.