Sostenibili ed ecologici, ecco gli ostelli made in Italy

Condividi su:

Lampadine a basso consumo, pannelli fotovoltaici, impianti geotermici, arredamento spartano e prezzi molto appetibili: gli eco-ostelli conquistano anche l’Italia. Dove trovarli e quanto spendere...

Turisti esigenti e il mercato si adegua. Con viaggiatori sempre più esigenti rispetto alla variabile ecologica l’industria del turismo si adegua. Pochi anni e anche in Italia si sono moltiplicati gli eco-ostelli, strutture ricettive attente alla salvaguardia della natura che combinano i prezzi economici tipici degli ostelli con la cura per l’ambiente. Negli eco-ostelli ci sono lampadine a basso consumo, pannelli fotovoltaici solari e termici, impianti geotermici, l’arredamento – spartano – è quasi sempre ecocompatibile e la raccolta differenziata è rispettata scrupolosamente.

In Italia l’Aig ne ha contati quasi cento. Per sapere tutto sugli eco-ostelli in Italia e nel mondo basta dare un’occhiata al sito dell’Aig, l’Associazione italiana alberghi per la gioventù che, nata nel 1945, rappresenta nel nostro Paese la Federazione internazionale degli ostelli per la gioventù cui, nel mondo, aderiscono novanta associazioni nazionali con oltre 5000 ostelli in tutti i continenti. Sul sito si possono ricercare ostelli in giro per l’Italia (di eco ce ne sono quasi cento) e anche trovare promozioni (per approfittarne, però, occorre diventare soci Aig, l’iscrizione costa due euro e si può fare online).  Da un rapido sguardo si nota come siano più numerosi al Nord e al Centro e meno diffusi al Sud. Altra selezione sul web degli eco-ostelli si trova su HostelsClub.it, dove peraltro è possibile trovare una selezione di eco-ostelli in giro per l’Europa, oppure su ostellionline.net.

Il Piero Rotta di Milano, tra i più famosi d’Italia. Tra gli eco-ostelli più famosi della Penisola c’è l’Ostello Piero Rotta di Milano, struttura ricettiva da oltre quarant’anni recentemente ristrutturata e adattata ai più moderni criteri di sostenibilità. Il Piero Rotta oggi dispone di stanze da due, tre o quattro letti con bagno privato e di camere con sei posti letto e bagno al piano. La prima colazione è inclusa in tutte le tariffe, in ogni caso molto convenienti (circa venti euro a notte).

L’Ostello Bello, creato da tre viaggiatori. A Milano c’è anche il centralissimo Ostello Bello, gestito da tre ragazzi che amano viaggiare e che hanno creato questa struttura facendo tesoro della loro esperienza (sul sito si legge: “Dopo aver viaggiato attraverso i cinque continenti e visitato più di 200 ostelli è il momento di avere un ostello tutto nostro. Benvenuto da qualsiasi parte del mondo tu venga”). Gli arredi dell’Ostello Bello sono di recupero: ognuno c’ha messo qualcosa, e anche questo conferisce agli ambienti un carattere amichevole e unico. Il cibo è a km zero perché sfrutta l’orto creato sul balcone. Tariffe molto abbordabili, a partire da 28 euro a notte a persona. Colazione, drink di benvenuto e biancheria sono compresi nel prezzo.

Il Don Cremona, nel cuore del Veneto. L’ostello Don Cremona di Bassano del Grappa si trova nel cuore del Veneto e dispone di sette camere con bagno privato, di 18 stanze da due/ tre/ quattro letti con bagno in comune e di un camerone con trenta posti letto. Gli ospiti non hanno limiti d’orario: all’arrivo, insieme alle chiavi della stanza, ricevono anche quelle della porta d’ingresso. I prezzi delle camere vanno da un minimo di 14 euro a un massimo di 23,50 a persona a notte (lenzuola comprese, asciugamani no). La struttura gode di convenzioni con enti che praticano attività sportive nel territorio. Il Don Cremona si distingue per uno scrupoloso rispetto della raccolta differenziata, per l’uso di lampadine a basso consumo e per un sistema di risparmio idrico chiamato “doccia light”, che prevede l’uso nelle docce di erogatori a basso flusso che permettono di risparmiare grandi quantità d’acqua.

Il Beehive di Roma, l’ostello “di lusso”. A Roma gli americani Linda e Steve, innamorati della Città eterna, qualche anno fa hanno aperto l’ostello Beehive, struttura che ai più appare come un piccolo albergo di lusso a prezzi ragionevoli. Il risultato è un hotel/ostello vicinissimo alla stazione Termini, attento all’ecologia grazie all’installazione di impianti a risparmio energetico ma pieno di stile, con stanze dalla singola alla tripla. La colazione è a base di prodotti biologici coltivati nel giardino interno. Le tariffe partono da circa ottanta euro a notte per la doppia.

A Napoli l’Ostello per la gioventù. Nel rione Mergellina di Napoli c’è l’Ostello per la gioventù a quattrocento metri dal mare, vicinissimo alla fermata della metropolitana e a circa dieci minuti dal molo per gli aliscafi verso le isole. Con tariffe che partono da circa trenta euro a notte, l’Ostello della gioventù offre lenzuola e coperte, parcheggio, deposito bagagli, Sky, Wi-Fi gratuito in tutte le stanze compresi nel prezzo. Proprio per il suo impegno nella difesa della natura e della filosofia “impatto zero”, lo scorso maggio l’Ostello per la gioventù di Mergellina ha ospitato “Cinque giorni a impatto zero”, mini vertice europeo sul tema dello sviluppo sostenibile e delle politiche ambientali cui hanno partecipato giovani provenienti da diversi paesi dell’Unione.

Nel centro di Cagliari si dorme con venti euro. Super convenienti, infine, le tariffe dell’Hostel Marina di Cagliari, antico palazzo nel cuore di Cagliari dove si può dormire con tariffe a partire da circa venti euro a notte in camere singole o condivise (maschili o femminili, da quattro a sei letti). Tutte le camere sono dotate di bagni, la colazione è inclusa nel prezzo. La struttura risponde a rigorosi parametri di progettazione, utilizzo di materiali specifici e ridotti consumi energetici.

Eco-ostelli all’estero. Se, infine, si è alla ricerca di un ostello economico ed eco-friendly in giro per l’Europa si può dare un’occhiata a hostelsclub.com oppure selezionare la ricerca “Ostelli all’estero” sul sito Aig. A Barcellona la eco-sistemazione ideale potrebbe essere l’Urbany Hostel, ostello ecologico con sistema di raccolta dell’acqua piovana (riutilizza il 50% delle acque), impianti a elevata efficienza energetica, lampade a basso consumo illuminate da energia proveniente da pannelli solari e pannelli fonoassorbenti in grado di assorbire il rumore. A Monaco, invece, a due passi dalla stazione centrale si può alloggiare al  4 you Munich, ostello che utilizza pannelli solari, arredamenti ecologici, innovativi sistemi per ridurre al minimo il consumo di energia elettrica e un efficiente sistema di raccolta differenziata (a cui i clienti devono rigorosamente attenersi). A Edimburgo è famosissimo l’High Street Hostel, struttura che compensa le sue emissioni di anidride carbonica grazie all’acquisto di una foresta di più di 75 ettari.