Il ristorante arriva a casa, con le app di food delivery

Condividi su:

Non solo pizza: si moltiplicano i servizi, anche gourmand, per ordinare online e farsi consegnare pranzo e cena. Ecco dove cliccare.

Gli italiani sono buongustai ma anche amanti della comodità: per questo amano sempre di più i servizi di food delivery. I numeri lo confermano: le startup delle consegne a domicilio – secondo i calcoli del Sole 24 Ore – muovono un mercato da 400 milioni di euro, un business che soddisfa clienti e ristoratori. E le nuove app per la consegna a domicilio di cibo consentono scelta geolocalizzata, servizio super veloce, monitoraggio delle fasi di preparazione, fino alla consegna in molti casi senza costi aggiuntivi, o addirittura ecologica (in bici). Ecco le novità più interessanti in giro per l’Italia.

Hellofood.it, per ordinare in tre clic. Nato sette anni fa dall’idea di un gruppo di studenti fuorisede (si chiamava PizzaBo), è oggi attivo in 22 città e disponibile gratuitamente anche in versione app per Android e iOS. HelloFood permette di ordinare cibo a domicilio in soli tre clic. Per vedersi recapitare pranzo o cena, infatti, basta inserire l’indirizzo e scegliere il locale in base alle proprie esigenze, monitorando anche i giudizi espressi da altri clienti. Ai ristoranti che fanno parte del network viene consegnato un dispositivo che permette di ricevere l’ordine appena effettuato: l’apparecchio stampa in tempo reale la comanda. Dopo che la prenotazione è stata confermata e presa in carico dal locale, viene consegnata nel tempo indicato. HelloFood garantisce gli stessi prezzi del locale, senza rincari e con offerte e promozioni esclusive. I “punti pizza”, ad esempio, sono veri e propri punti fedeltà che danno diritto a sconti (con ogni prodotto da almeno 5 euro ordinato si ottiene 1 punto pizza; ogni 10 punti si ha diritto a 5 euro di sconto).

Foodora, il food delivery di lusso e green. Consegna a domicilio non significa solo fast food. Lo dimostrano realtà come Foodora, servizio nato nel 2014 a Monaco in Baviera, che porta nelle case dei foodies i piatti da una rete di 650 ristoranti di qualità in 9 nazioni. In Italia attualmente Foodora collabora con oltre 275 ristoranti di Milano e più di 100 a Torino. Il funzionamento è semplice. Tramite il sito o l’app (disponibile gratis sul portale) si ordina, si sceglie il metodo di pagamento e in 30 minuti al massimo si riceverà il proprio piatto in un box pensato per assicurare che la temperatura dei piatti rimanga invariata. La consegna avviene in bicicletta e il servizio costa 2,90 euro. Alcuni ristoranti impongono un importo minimo di spesa.

Deliveroo, da poco anche a Milano. Nato a Londra nel 2013, da qualche mese Deliveroo è sbarcato a Milano (e presto si aggiungeranno altre città in giro per l’Italia). Anche questo servizio promette di gustare le pietanze dei propri ristoranti preferiti e usarlo è facile e veloce: basta accedere alla piattaforma, via web o tramite app, selezionare il ristorante preferito, consultare il menu, verificare i tempi di consegna (mai più di 30 minuti), procedere con l’ordine, pagare con carta di credito e monitorare lo stato della consegna seguendo il tragitto del driver da pc, tablet o smartphone. Il costo del servizio è di 2,50 euro a consegna, indipendentemente dal valore dell’acquisto effettuato.

Foodracers.com, la piattaforma segnalata da Apple. Attivo, per adesso, in 12 città del Nord Italia, Foodracers è una piattaforma online che mette in relazione l’utente che vuole ricevere a casa o in ufficio i piatti del proprio ristorante preferito con una rete di “racers”, persone selezionate a livello nazionale che si rendono disponibili per effettuare la consegna. L’app (gratis) di Foodracers è stata inserita da App Store tra le migliori. Le principali caratteristiche di questa applicazione sono: la scelta dell’indirizzo di consegna del cibo attraverso localizzazione GPS, il posizionamento manuale sulla mappa che sfrutta anche i suggerimenti di Google, e la selezione non solo in base al ristorante ma anche in base al piatto che si desidera, con la possibilità di richiedere aggiunte o varianti.

Justeat.it,il servizio presente in 13 paesi. Just Eat è uno dei pionieri delle ordinazioni online.   Dal 2001 a oggi ha gestito oltre 70 milioni di ordini in 13 paesi ed è presente in moltissime città italiane (qui l’elenco completo ): consente di trovare facilmente (anche attraverso la versione app) locali che fanno le consegne a domicilio nella propria zona. Inserendo il proprio indirizzo si possono sfogliare i menu elettronici, aggiungere i piatti desiderati nel carrello ed eseguire l’ordine online. Il servizio è gratuito e i prezzi praticati sono gli stessi che si trovano al ristorante.