PsVita: console, smartphone e molto di più

Condividi su:

Non più solo videogiochi, ma anche Facebook, Twitter e videochiamate. Ecco cosa propone il nuovo gioiellino della Sony...

Tante novità. La nuova console della famiglia Play Station è l’erede della Psp; le assomiglia molto, ma dal punto di vista tecnologico è tutta un’altra cosa. La PsVita è dotata di schermo Oled da 5 pollici, touch screen anteriore e touch pad posteriore, telecamera su ambo i lati, gps, accelerometro e giroscopio , microfono, doppio stick analogico, connessione Wifi e 3G. Insomma, non le manca nulla. È in vendita a partire da 249 euro.

Non solo giochi. Nelle intenzioni della Sony c’è la volontà di andare oltre il solo concetto di console. La PsVita non ha nulla da invidiare sul piano tecnologico ai più moderni smartphone. La connettività internet, la presenza di microfoni e videocamere, permettono di utilizzare al meglio i social network come Facebook e Twitter, nonché i software di videochiamate come Skype.

Acquistabile in abbonamento come un cellulare. A rendere il legame PsVita-smartphone ancora più stretto ci pensa la connettività 3G: la necessità di utilizzare la rete mobile ha reso imprescindibile la partnership tra compagnie telefoniche e Sony. In Italia la PsVita è venduta da Vodafone ed è possibile scegliere tra un’offerta internet con abbonamento flat o ricaricabile. Ecco le tariffe:

Abbonamento. 19 euro al mese, con un contributo iniziale di 49 euro (in promozione senza contributo fino al 31 marzo 2012). Vincolo di 24 mesi con penale in caso di recesso anticipato. Navigazione: 1Gb al mese senza limiti di tempo fino a 1.8Mbps, poi navigazione illimitata e gratuita a 64kbps

– Ricaricabile. Internet senza limiti di tempo al costo di 1 euro al giorno (addebitato solo in caso di effettiva connessione). L’attivazione è gratuita, il rinnovo mensile è di 5 euro. 300Mb al giorno senza limiti di tempo fino a 7.2 Mbps, poi navigazione illimitata e gratuita a 64 Kbps.

O acquistabile da sola. È comunque possibile acquistare la console senza sottoscrivere abbonamenti telefonici. Nei negozi la PsVita è in vendita a 249 euro per il modello solo wifi e 299 euro per la versione wifi+3G. I videogiochi, venticinque fino ad ora, sono acquistabili nei negozi o dal PsStore a partire da 30 euro.

Accessori. Alle spese di acquisto della console e dei giochi è indispensabile dover aggiungere una scheda di memoria (non compresa nel dispositivo). La memory card da 4Gb costa circa 20 euro, quella da 8Gb 36 euro e da 16Gb 50. Gli altri accessori: auricolari (20,49 euro), caricatore portatile (50,49 euro) e cavo usb (9,99 euro).

Ancora più comandi. Se leve e bottoni erano diventati come prolungamenti delle dita per i bambini di mezzo mondo (ma anche per ragazzi e adulti), imparare ad usare le nuove interfacce sarà una vera sfida per tutti. Sony ha aggiunto, rispetto alla vecchia Psp, un touchpad posteriore da premere, tamburellare, strofinare con i polpastrelli. Raddoppiano anche le leve analogiche, che diventano una per mano. Schermo multitouch, sensori di movimento e microfono completano un’offerta di comandi come mai si era visto prima. Per riuscire ad avere il pieno controllo sulla PsVita sarà necessario un bel po’ di allenamento.

A tutto sport. Da subito saranno disponibili 3 tra i titoli sportivi più venduti: Fifa Football, F1 2011 e Virtua Tennis 4 Edizione tour mondiale.

Quotidiano. «La scelta del nome, la parola Vita accanto al marchio Ps è stata fatta perché la nostra intenzione è penetrare con questa console nel quotidiano, nella vita delle persone. Non solo con il gioco» (Andrew House, presidente di Sony Computer Entertainment).

Successo o flop? La PsVita, che è uscita in esclusiva in Giappone il 17 dicembre, ha venduto in poco più di un mese circa 600mila unità. Eppure per la Sony questo dato è considerato molto sotto le loro aspettative.

Perché sceglierla? È quanto di più completo ci sia nel campo delle console per videogiochi, anche se, come sostiene Andrew House, il concetto di console è ormai superato. La combinazione di comandi di cui dispone offre agli sviluppatori di videogiochi l’opportunità di sbizzarrirsi e garantire esperienze di gioco mai viste prima.

Perché non un tablet? L’offerta di giochi scaricabili per smartphone e tablet è vastissima quanto piatta. I giochi dell’Apple Store e dell’Android Market sono un efficace passatempo per chi si annoia sull’autobus, ma l’uso esclusivo del touch screen limita fortemente la loro creatività. Per i veri appassionati di games non c’è Angry Birds che tenga!

Il più venduto di sempre. La Nintendo, rivale numero 1 della Sony nel campo dei video games, ha venduto 118 milioni di Game Boy e Game Boy Color.