Palestra chiusa? Io mi alleno così

Condividi su:

App, corsi online e i cinque tibetani: si può rimanere in forma anche stando a casa e senza spendere un euro...

Mantenersi in forma con le palestre chiuse. D’estate, con il caldo e molte palestre chiuse, mantenersi in forma è un po’ più difficile. La soluzione, però, c’è: basta allenarsi nel proprio salotto di casa, senza spendere un euro e in tutta tranquillità.

Le guide. Il web è pieno di consigli, di guide e di video per imparare semplici esercizi e rassodare gambe, braccia e addominali, dal gag al pilates, dall’aerobica ai cinque tibetani. Per gli esercizi all’aria aperta è invece preferibile affidarsi alle app, da quelle che consigliano percorsi in bicicletta a quelle che vi seguono e vi controllano come un vero personal trainer. La prima cosa da fare è scegliere la disciplina che preferite e poi decidere se farla all’aria aperta o in casa. Eccone alcune qui di seguito.

Il pilates. Una delle tendenze più gettonate è il pilates, importante non solo per sviluppare forza e resistenza, ma anche per diffondere una sensazione di benessere in tutto il corpo. Qui i dieci esercizi consigliati dagli insegnanti Marco Giannuzzi e Riccardo Utzeri a Repubblica.it. Sempre online sono invece disponibili i videocorsi DeaByDay della DeAgostini. Ma se si vuol far pilates al mare o sul prato in campagna forse conviene scaricare l’app disponibile gratis per dispositivi iOs e per  Android.

La tecnica. La tecnica, inventata da Joseph Pilates (da qui il nome) già negli anni Venti, si basa su sei principi (concentrazione, controllo, baricentro, fluidità, precisione e respirazione) e può essere eseguita con o senza attrezzi.

Tonificare tutto il corpo. Se, invece, si vuole tonificare tutto il corpo, si possono eseguire quattro semplici esercizi consigliati da Qnm.it (leggi qui gli esercizi step by step) oppure scaricare la app per iOs EgoFitness home (costo: 0,79 euro), creata tenendo in mente le esigenze di chiunque voglia tenersi in forma, anche con allenamenti veloci, da realizzare a casa, durante le pause in ufficio, o addirittura in vacanza. Stesso principio anche per l’app VirtuaGym Home&Fitness (per Android, gratis).

Lo stretching. Online invece ci si può allenare con una delle lezioni del sito Fitnessincasa.it con Pierluigi Miranda e Clayton Lopes che consigliano prudentemente prima e dopo ogni sessione di allenamento di fare stretching per non incorrere in strappi muscolari simili.

In casa si possono lavorare anche gambe, addominali e glutei. A questo link, per esempio, un programma settimanale di dieci esercizi per tonificare le zone in questione. Oppure si possono seguire, su Alfemminile.com, i “Consigli di Lucie” che si fanno con l’ausilio di una sedia: un ottimo esercizio per rassodare i glutei, è quello di appoggiarsi con le mani alla sedia, contrarli e poi alzare una gamba per volta.

All’aria aperta. Per chi preferisce stare all’aria aperta le app degli smartphone possono aiutare a smaltire qualche chilo di troppo o a mantenersi in forma. Eccone alcune:

– Runtastic. È un’applicazione che permette di misurare tutti i dati necessari per ottimizzare i risultati e si possono confrontare le proprie prestazioni con le sessioni passate, con quelle degli amici o con quelle dei professionisti. Runtastic misura in automatico tempi, distanze, calorie consumate, velocità ed elevazioni; inoltre, traccia tutti gli esercizi tramite il Gps integrato. La si può usare per moltissimi sport tra cui la corsa, il ciclismo o anche il pattinaggio. Disponibile per iOs in versione base (gratis) e Pro (a 4,99), per Android gratis o in versione Pro (a 4,79 euro).

– CardioTrainer. È una delle applicazioni più note di questo settore. Conta milioni di download. Monitorizza dati e/o crea percorsi in varie discipline: camminata, ciclismo, aerobica, badminton, spinning, scalata,  equitazione, skating, canoa, pilates, sci, nuoto, golf  e persino le pulizie di casa e i lavori in giardino. Ha anche un riproduttore musicale integrato che abbassa il volume quando deve comunicare una notifica. L’applicazione base per Android si può scaricare gratuitamente da qui e si possono aggiungere vari moduli a pagamento, che sono Weight Loss for CardioTrainer, per monitorare la perdita di peso, e Racing for CardioTrainer, per sfidare se stessi. C’è anche in versione Pro con la funzionalità di Training, cioè in grado di consigliare velocità e movimenti, molto utile per i principianti.

– Endomondo. Anche questa applicazione aiuta a tenere sotto controllo la forma fisica e in più suggerisce all’utente i prossimi obiettivi da raggiungere. Conta circa dieci milioni di utenti ed è disponibile per tutti i sistemi operativi. Per scaricarla basta cliccare qui, selezionare il tipo di smartphone e decidere se optare per la versione base o a pagamento (attorno ai 5 euro. Il prezzo varia a seconda del sistema operativo).

– Daily Yoga for Abs. Questa applicazione offre una serie di esercizi che allenano varie parti del corpo. È adatta sia agli uomini che alle donne. Un solo requisito necessario: ritagliarsi dieci minuti ogni giorno perché solo con la regolarità si portano risultati a casa. Per facilitare l’utente ci sono delle animazioni e istruzioni ben dettagliate che mostrano i movimenti e la corretta postura per svolgere bene tutti gli esercizi. Disponibile per iOs a 1,59 euro e gratis su Android.

I cinque tibetani. «Grazie ai cinque tibetani ho recuperato tra lo 0.25 e lo 0.50 di vista, mi sono tornati un po’ i capelli, ho ritrovato una complessiva “vigorosità”. Gli esercizi sono elementari, basta seguire le istruzioni, e richiedono al massimo una ventina di minuti per il ciclo completo» (Brunello Cucinelli, re del cachemire, fonte: IoDonna.it, Corriere della Sera).

Esercizi per restare giovani. Conoscete i cinque tibetani? Sono cinque esercizi (noti anche come rituali dell’eterna giovinezza), che secondo alcune teorie confluiscono nello yoga, divulgati da Peter Kelder negli anni Trenta. In Italia, il libro ha il titolo di I cinque tibetani (Edizioni Mediterranee). Gli esercizi, che dovrebbero essere eseguiti tutti i giorni, aiutano a mantenere in forma non solo il corpo, ma anche la mente. Qui si possono leggere i cinque riti.

La storia. La storia dice che l’autore seppe dei riti ascoltando il racconto di un colonnello inglese, che venne a conoscenza di essi dopo un lungo viaggio presso un monastero sull’Himalaya tibetano, dove i Lama custodivano il segreto dell’eterna giovinezza [fonte: www.ilnuovomondo.it/art5tibetani.htm].

I chakra. «Il corpo ha sette centri di energia che potremmo chiamare vortici. Gli Indù li chiamano chakra. Essi sono dei potenti campi elettrici, invisibili ai nostri occhi, e tuttavia assolutamente reali. Questi sette vortici controllano le sette ghiandole a secrezione interna nel sistema endocrino, e le ghiandole endocrine, a loro volta, regolano tutte le funzioni del corpo, compreso il processo di invecchiamento. […] Il modo più rapido per riacquistare la giovinezza, la salute e la vitalità consiste nel riavviare il normale movimento rotatorio di questi centri energetici. Ciò si può realizzare mediante cinque semplici esercizi. Ciascuno di essi è efficace di per sé, ma i migliori risultati si ottengono con la pratica di tutti e cinque».