Mobilità green, spazio alla bici pieghevole

Condividi su:

Le bici pieghevoli, leggere e trasportabili, sono l’ideale per muoversi con agilità e in salute, risparmiando. La nostra guida alla scelta

Muoversi in città può essere difficile, soprattutto nelle ore di punta: non sempre i mezzi pubblici sono sufficienti per raggiungere il posto di lavoro, il traffico costringe ad alzarsi molto presto e – per chi si muove in auto – c’è il problema aggiuntivo del parcheggio. Per guadagnare tempo e denaro, riducendo stress e inquinamento, c’è chi inizia a organizzarsi con le bici pieghevoli da caricare in auto e da portare con sé in metro o sull’autobus. Il settore delle pieghevoli sta diventando protagonista per lo sviluppo degli spostamenti intermodali e sta favorendo politiche di mobilità che privilegino l’utilizzo combinato di bici+treno, bici+metro o bici+tram per cambiare stile di vita risparmiando. Molti cittadini italiani sono motivati al cambiamento: aumentati dal 2010 del 4,5% anche grazie all’incremento di piste ciclabili sul territorio e ad altri incentivi per la mobilità sostenibile, che premiano chi si sposta in modo green. Ecco alcuni semplici consigli per avvicinarsi al mondo delle bici pieghevoli.

Bici pieghevole, come scegliere quella giusta. Il primo fattore da prendere in considerazione nella scelta di una bici pieghevole è la dimensione, che deve essere valutata in base a quella del bagagliaio dell’auto e non deve superare le misure standard di 80 x 110 x 40 perché possa essere caricata sui mezzi pubblici. Una volta appurata la qualità del mezzo, resta decisivo valutare il prezzo: l’obiettivo è trovare un modello resistente e sicuro, ma che non costi una follia. Dato che il prezzo in genere è superiore a quello di una normale bicicletta, è bene informarsi in modo dettagliato sui vari modelli per non sprecare il proprio denaro acquistando un prodotto non adeguato. Si consideri che le bici pieghevoli hanno una fascia di prezzo che oscilla tra i 200€ per le entry level fino ad arrivare ai 2.000€, cifra che può ulteriormente aumentare per i modelli elettrici. Il nostro consiglio è quello di controllare sempre eventuali offerte, soprattutto online.

  • Frejus Microbike, versatile ed economica.

    Pesa 12,5 kg, si piega in tre posizioni (nella forcella anteriore, a metà della canna e ha anche i pedali ripiegabili) riducendosi a 84 cm di lunghezza, 64 cm di altezza e 44 cm di profondità. Le ruote sono di 20 cm. Il materiale è capace di assorbire gli urti, ma leggero. Gli snodi per piegarla funzionano semplicemente e sono affidabili. La presenza dei parafanghi è una comodità in più molto utile per chi si muove vestito bene in città. Un difetto, invece, è la mancanza di un borsone in cui riporla, comodamente e senza sporcare il bagagliaio. Il prezzo di listino è 220 euro, ma su Amazon si trovano offerte a 130 euro.  

  • Bfold, semplice e funzionale.

    Questa bici è fatta di acciaio Hi-Ten. Il semplice sistema di chiusura laterale riduce ulteriormente l’ingombro della bici. Una volta chiusa, il volume della bici è ridotto del 70% con 82 cm di lunghezza, 64 cm di altezza e 34 cm di larghezza. In casa, in ufficio, nel bagagliaio dell’auto, in camper: si fa dimenticare in un attimo. Con la combinazione 9kg/258€ ha un buon rapporto tra comodità e prezzo.

  • Strida, cool e super-compatta.

    Monta componenti di qualità (sul mercato da oltre 20 anni) ed è super-pieghevole: si sgancia con un bottone, si congiungono due tubi e clac! Una volta piegata si trasporta con facilità ed è meno ingombrante su alcuni mezzi pubblici, ma non è “self standing” e quindi è un po’ precaria. I 10kg della Strida LT single speed e i 13Kg di peso della Strida EVO le fanno rientrare nella categoria “superleggere”. Prezzo d’ingresso a 599 euro.

  • Nanoo, si chiude in 10 secondi.

    Nanoo EFB, ideata e sviluppata dalla Advanced Mobility di Torino ha il telaio in alluminio disponibile in vari colori (arancione, bianco, nero, verde, rossa, gialla, alluminio spazzolato). I pedali e il manubrio sono pieghevoli e regolabili in altezza. Pesa 12,5 kg e grazie alle sue dimensione ridotte, può essere tranquillamente portata sui treni in quanto rientra nelle misure standard di sicurezza per quanto riguarda i mezzi trasportabili. Prezzo: 765 euro.

  • Pieghevole ed elettrica? Si può!

    NWG Bike Facile è una bici elettrica e pieghevole allo stesso tempo: sia il telaio che il tubo dello sterzo sono ripiegabili, per un più facile e agevole trasporto in tutte le situazioni d’uso. Arriva ad avere un ingombro realmente contenuto per un peso complessivo di 19 kg. Il prezzo lievita dato che si tratta di una bicicletta a pedalata assistita, ma a 1400 euro il rapporto qualità prezzo resta comunque interessante.