La tassa scioglilingua

Archiviata l’Imu sulla prima casa, arriva la Trise, che mette insieme Tari e Tasi e servirà a finanziare smaltimento dei rifiuti ma anche strade, illuminazione e sicurezza pubblica. Come funziona e quanto ci costerà…

Trise, lo scioglilingua che unisce Tari e Tasi. La Trise è la nuova tassa rifiuti e servizi con la quale dal 2014 faranno i conti proprietari di casa e inquilini. La componente rifiuti, simile alla vecchia Tarsu, si chiamerà Tari. L’altra componente, la Tasi, è una novità: servirà a finanziare strade, illuminazione e sicurezza, servizi fino a ora pagati con le restanti tasse. La Trise, quindi, mette insieme Tasi e Tari e andrà in parte a sostituire l’Imu (imposta municipale unica) sulle prime case, abrogata dalla legge di Stabilità.

A proposito di prima casa. La componente rifiuti, quindi la Tari, dovrà essere pagata anche sulla prima casa. Per la componente sui servizi, la Tasi, saranno i comuni a decidere se e quanto far pagare sulle abitazioni principali. La Tari sui rifiuti continuerà a pagarla chi occupa l’immobile, quindi il proprietario se ci vive o l’inquilino. La seconda componete sui servizi (Tasi) sarà dovuta invece in massima parte dai proprietari mentre gli inquilini dovranno versarne una quota che potrà variare tra il 10 e il 30%, a scelta dei Comuni.

Quando si paga. Anche se divisa in due, la Trise si paga in quattro rate: 16 gennaio, 16 aprile, 16 luglio e 16 ottobre. Chi vuole può pagare in un’unica soluzione, il 16 giugno.

Quanto si paga. La Tari sui rifiuti sarà rapportata alla superficie dell’immobile e al numero dei componenti della famiglia. La tariffe varieranno da comune a comune e dovranno coprire per intero il costo del servizio smaltimento rifiuti. La componente servizi (Tasi) si calcolerà, a scelta dei comuni, o sulla rendita catastale rivalutata del 65%, così come avviene per l’Imu, o sui metri quadrati. Definita la base imponibile si pagherà l’uno per mille sulla rendita o un euro a metro quadrato. Quote che i comuni possono aumentare, con un limite: la Tasi non dovrà comunque costare più dell’aliquota massima dell’Imu maggiorata dell’uno per mille, ossia non dovrà superare il 7 per mille sulla prima casa e l’11,6 per mille sulle seconde.

Le agevolazioni. La tariffa sarà ridotta per chi fa la raccolta differenziata. La Tasi diventa poi mini se il servizio raccolta rifiuti non è svolto o è interrotto per motivi sindacali. In questo caso si deve solo il 20%. Tariffe ridotte saranno fissate dai comuni anche per single, per chi vive oltre sei mesi in altra abitazione e per i fabbricati rurali a uso abitativo.

Chi continuerà a pagare l’Imu. Tutti i proprietari di seconde case e chi vive in dimore principesche, classificate A1, A8 e A9 continueranno a pagare l’Imu. Per tutte le altre prime abitazioni l’Imu nel 2014 è abrogata. L’Imu si continuerà a pagare anche per capannoni industriali e opifici ma sarà deducibile al 50% dall’Ires.

Una stangata per chi tiene le case sfitte. Che succede a chi possiede una casa e la tiene sfitta?  Subirà una vera stangata perché, a sorpresa, nella bozza di legge di Stabilità oltre a Imu e Trise spunta anche il ritorno dell’Irpef, anche se in misura inferiore rispetto ai tempi dell’Ici. La casa sfitta “farà reddito” nella misura della rendita catastale rivalutata del 17% anziché del 34. I conti li ha fatti la Uil: per una casa di dimensione media in una grande città, chi ha un reddito di 40mila, euro finirà per pagare 114 euro in più di Irpef, che sommati a Imu e Trasi fanno un aggravio di quasi 200 euro.

Pagheremo meno del 2012. Secondo la Cgia di Mestre la Trise peserà mediamente 366 euro a famiglia. Facendo un raffronto con le attuali Imu e Tares, nel 2014 si pagherà un po’ di più rispetto al 2013 ma di meno rispetto al 2012.

redazione


92
0
0
12
 
0

104