iPhone 4S, l’ultimo gioiellino dell’era Jobs

Condividi su:

A poche ore dal lancio del 4S, l’Apple annuncia la morte del suo uomo simbolo. Tutto il mondo si stringe intorno al genio visionario e creativo...

L’addio a Steve Jobs. «Apple ha perso un genio visionario e creativo, e il mondo ha perso una persona straordinaria. Chi di noi ha avuto la fortuna di conoscere Steve e lavorare con lui ha perso un amico, una guida, una fonte d’ispirazione. Steve lascia un’azienda che solo lui avrebbe potuto costruire, e il suo spirito resterà per sempre lo spirito di Apple». Con queste parole l’Apple ha voluto ricordare il suo ex amministratore delegato nonché creatore. Il 25 agosto Steve Jobs aveva lasciato l’incarico di Ceo per dedicarsi alle cure di un tumore al pancreas.

Il ricordo di Obama. Il presidente degli Stati Uniti è stato tra i primi a commemorare Jobs: «Costruendo personal computer e mettendoci Internet in tasca ha reso la rivoluzione dell’informazione non solo accessibile, ma anche intuitiva e divertente. Ha trasformato le nostre vite, ridefinito interi settori industriali e compiuto una delle imprese più rare nella storia dell’umanità: ha cambiato il modo in cui ognuno di noi guarda il mondo. Il mondo ha perso un visionario».

L’annuncio. Martedì 4 ottobre è stato presentato l’iPhone4S, ma solo poche ore dopo l’azienda di Cupertino ha dovuto annunciare al mondo la scomparsa del suo creatore Steve Jobs. Una vera doccia fredda per gli amanti dell’Apple.

Let’s talk iPhone. Tutti volevano l’iPhone5. L’uscita del 4S non è certo quello che gli appassionati si aspettavano dopo che l’Apple aveva annunciato l’evento chiamato Let’s talk iPhone. La notizia era uscita il 27 settembre sull’autorevole digital network del Wall Street Journal: AllThingsD. L’evento si è tenuto alle 10 locali (19 in Italia), nella sede della Apple di Cupertino (California). Ingresso consentito solo a pochi invitati.

Si è stemperata la febbre. Tanto era bastato per creare fervore tra gli appassionati del marchio della mela morsicata. Forum e siti specializzati di tutto il mondo hanno discusso per settimane sulle possibili novità. Martedì è arrivata una piccola delusione.

Borse insoddisfatte. Le borse hanno reagito freddamente al lancio del 4S: Il titolo Apple ha perso subito il 4%.

Quota di mercato. iPhone detiene il 5% del mercato mondiale dei telefonini. Dall’aprile 2007 ha venduto circa 128.964.000 iPhone; 55 milioni solo nei primi nove mesi del 2011.

A breve anche in Italia. L’iPhone4S verrà commercializzato in Italia a partire dal 28 ottobre. In America sarà prenotabile a partire dal 7 ottobre e disponibile negli Apple store dalle 8.00 del 14. Prezzi a partire da 199$ (per la versione da 16 Gb) fino a 399$ (per quella da 64 Gb), a patto di sottoscrivere con un operatore telefonico un abbonamento di due anni. Per i prezzi italiani è necessario attendere ancora qualche giorno.

Tim Cook sul banco di prova. Tanta era la curiosità per il primo iPhone commercializzato sotto la guida di Tim Cook, nuovo amministratore delegato. Cook è salito sul palco di Cupertino vestendo jeans e camicia nera, con uno stile che ricorda, senza emulare, il suo predecessore.

Ceo per un dollaro. Dopo un primo allontanamento dalla Apple, Steve Jobs assunse nel 1996 l’incarico di amministratore delegato con un contratto simbolico di 1 dollaro l’anno.

Un nuovo processore. L’iPhone4S introduce un bel po’ di innovazioni. Monta il più veloce processore A5, il dual core già utilizzato sull’iPad2. La vecchia fotocamera da 5 megapixel è stata sostituita da un sensore da 8 MP, di un terzo più veloce e in grado di catturare il 73% in più di luminosità. Risoluzione da 3264×2448, per immagini più chiare e nitide. Raddoppia la memoria ram, portata a 1 Gb. Velocità di download fino 14.4 mbps. Rendimento della batteria ottimizzato e migliorato. Queste le novità hardware che rendono il 4S più efficente in termini di velocità, multitasking e navigazione internet.

Video in Hd. La fotocamera da 8 MP può realizzare video in Full Hd a 1080p.

Un nuovo sistema operativo. Il sistema operativo iOs5, disponibile anche per gli altri modelli iPhone a partire dal 12 ottobre, presenta nuove potenzialità. Servizio di messaggistica tra utenti iOs (iMessenger), sincronizzazione dei messaggi con tutti i dispositivi iOs, una rinnovata integrazione con Twitter e un software di editing delle foto. Il valore aggiunto sta nella potenzialità di iCloud, la nuvola digitale che permette di sincronizzare tutti i contenuti dei dispositivi Apple in possesso.

Parlare con lo smartphone. La vera novità è l’interfaccia vocale. Il nuovo sistema operativo iOs5 è capace di gestire il sistema di riconoscimento vocale SIRI. Il 4S potrà ricevere comandi direttamente dalla voce. Si potrà utilizzare l’iPhone anche con le mani occupate, facendo domande o impartendo ordini come “che tempo farà” o “manda un sms a Marco”. Non è ancora l’iOs Assistant, il segretario virtuale che alcuni avevano ipotizzato e con cui sarà possibile fare una “vera” conversazione, ma sicuramente un primo passo verso quella direzione. Il sistema SIRI sarà disponibile per ora solo in inglese, francese e tedesco. Ci si aspetta che sarà presto implementato con altre lingue.

Effetto sorpresa. Scott Forstall, vicepresidente del settore sofware della Apple, durante la conferenza ha stupito tutti chiedendo al 4S: “C’è un ristorante greco a Palo Alto?”, lo smartphone ha risposto visualizzando l’elenco dei posti.

Due antenne. Il problema con l’antenna che aveva negativamente segnato l’uscita dell’iPhone4 è stato risolto. Il 4S è equipaggiato con due antenne che lavorano alternandosi per migliorare la qualità delle chiamate e il download. Le antenne sfruttano sia il segnale Gsm che Cdma.

La delusione del look. Esteticamente è del tutto uguale al modello precedente. E pensare che gli esperti del sito austriaco Benm.at avevano fatto una magia. Partendo dalle custodie protettive che molte aziende hanno già realizzato per il futuro modello, avevano creato un controstampo (non funzionante) che ricrea lo chassis del nuovo iPhone. Da questo esperimento emergeva un’ulteriore riduzione dello spessore e dell’altezza. Un aumento della larghezza, in modo da supportare uno schermo da 4 pollici. Il tasto Home, oggi meccanico, diventa a sfioramento, forse utilizzabile anche per spostarsi da una pagina all’altra. Cambia anche nella forma, diventando ovale. Resta da capire se gli esperti hanno preso un grosso granchio o hanno anticipato quella che sarà l’estetica dell’iPhone5.