Guida all’agente immobiliare fai da te

Sul web e sulla stampa specializzata abbondano annunci immobiliari, perfetti per chi vuole comprare casa senza chiedere aiuto (e pagare la provvigione). Dove cercare, e a che cosa stare attenti…

La provvigione, una spesa in anticipo. Quando si compra casa attraverso un’agenzia immobiliare bisogna tener conto anche dell’ammontare della provvigione. Può sembrare una somma modesta ma, tradotto in cifre, vuol dire che per un appartamento da 200mila euro se ne sborsano mediamente 6mila, per uno da 400mila ben 12mila. La trattativa tra privati, quindi, è un ottimo punto di partenza per risparmiare.

Per prima cosa qualche controllo. Quando si decide di comprare casa senza l’aiuto di un’agenzia immobiliare può essere utile rivolgersi, preliminarmente, a un notaio per qualche controllo preventivo sullo stato dell’immobile. Altra cosa da fare è chiedere al venditore tutta la documentazione sull’immobile. Obiettivo: verificarne la conformità urbanistica e scoprire, se ci sono, eventuali problemi.

I siti per chi vuole fare da sé, in Italia e all’estero. Per chi vuole comprare casa senza l’aiuto dell’agenzia il web è una riserva molto preziosa. Numerosi siti – casa.it, tecnocasa.it, eurekasa.it – riportano gli annunci delle agenzie, altrettanti sono riservati ai privati. Tra questi c’è, oltre al famosissimo ebay, casetraprivati.com, pagina web gratuita in cui l’accesso, previa registrazione, è comunque interdetto agli operatori o alle agenzie immobiliari. Casanoi.it permette di pubblicare annunci di ricerca o di segnalare il proprio immobile su una mappa geografica interattiva, indicandone caratteristiche e budget richiesto, con la possibilità di dialogare con i potenziali acquirenti attraverso i social network. Sono previsti (a pagamento) anche servizi tecnici per verificare e aggiornare i documenti: visure, planimetrie, rendita, certificazione energetica ecc. Se si sta cercando casa all’estero bisogna tener presente che nei paesi con il Common law la compravendita tra privati è vietata dalla legge. In Germania, invece, dove l’acquirente paga in media una commissione del 7%, sono presenti vari siti per privati. Tra i più cliccati c’è zweitehan.de

Secondamano al Nord, Porta Portese a Roma. Sempre utili, poi, sono le testate specializzate, nella loro versione cartacea e online. Tra le più note Secondamano, leader nel settore nel Nord Italia con circa 200mila copie diffuse a settimana, e Porta Portese, il bisettimanale di annunci più venduto a Roma.

I controlli prima dell’acquisto. Trovata la casa, bisogna effettuare un paio di controlli per evitare guai. Per prima cosa è opportuno dare un’occhiata approfondita allo stato generale dell’immobile, soffermandosi sull’impianto elettrico, idraulico e termico, meglio se accompagnati da un tecnico. Al proprietario, quindi, occorre chiedere gli estremi dell’immobile, eventuali certificazioni di conformità e l’attestato di certificazione energetica. Altra cosa da fare, chiedere all’amministratore una dichiarazione che attesti che tutte le spese condominiali sono state pagate. Il nuovo proprietario, infatti, è tenuto a pagare eventuali spese non saldate dal precedente proprietario. Bisognerà procurarsi anche il preventivo e il consuntivo della gestione condominiale e l’ultima delibera assembleare. Infine, qualche controllo dovrà essere fatto anche all’agenzia del territorio. La visura catastale, per esempio, permetterà di capire chi è il vero proprietario della casa o se ci sono più proprietari, e la rendita catastale. Bisogna fare anche l’ispezione ipotecaria degli ultimi vent’anni per verificare trascrizioni degli atti di trasferimento o costituzione di diritti e vincoli sulla casa (usufrutto, pignoramenti, ipoteche ecc.). Ultimo controllo all’ufficio tecnico del Comune, per scoprire eventuali domande di condono e se ci sono concessione edilizia, abitabilità e agibilità.

STEFANO PERAZZO
Stefano Perazzo


231
0
0
1
 
0

232