Come fare (gratis) il business plan

Condividi su:

Dagli strumenti sconosciuti di Excel ai tutorial gratuiti sul web, ecco gli strumenti a costo 0 che permettono di redigere un progetto imprenditoriale

Il business plan racconta in maniera sintetica che cosa serve per avviare la propria attività, in termini di tempo e di risorse umane e finanziarie. Di solito, bisogna presentare questo documento quando si chiede un finanziamento quando si candida il proprio progetto a bandi e concorsi, quando si devono convincere potenziali business angels della validità della propria futura startup, come hanno fatto, per esempio, i fondatori di Bluewago, What a SpaceHomepal. Come scrivere un business plan di successo? Da cosa cominciare? Abbiamo raccolto le risorse gratuite (o quasi) per compilare il business plan, dai tutorial video ai template già pronti, dalle app alle guide scaricabili gratuitamente.

Gli elementi fondamentali del business plan. La prima cosa da fare per scrivere un business plan completo ed efficace è raccogliere tutte le informazioni sul mercato di riferimento della propria idea imprenditoriale, esaminando i prodotti o i servizi già esistenti, i propri punti di forza e gli eventuali punti deboli. Esplicitati questi punti, bisogna indicare il nome dell’impresa, i referenti, i contatti e il budget a disposizione. Il business plan copre un periodo prospettico di 3-5 anni: in ogni caso il documento deve il più possibile essere aggiornato, con risultati economici e finanziari raggiunti ed eventuali trasformazioni in itinere.

I siti per costruire il proprio business plan. PricewaterhouseCoopers e Aifi hanno realizzato una guida per spiegare che cosa bisogna scrivere nel business plan (e in che modo farlo). In rete esistono diversi siti che mettono a disposizione modelli di business plan dai quali partire per costruire il proprio. Tra questi ci sono Italia startup, AicofBplans, tutti portali con molti esempi, divisi in base ai diversi tipi di attività. Molto utili sono anche le pagine web di Score, associazione senza scopo di lucro che offre servizi di business planning per le piccole imprese, e Entrepreneur e Enloop, che offre servizi di scrittura business plan gratuita e a pagamento e aiuta nella stesura delle parti più critiche (come la sezione proiezioni finanziarie). Previa iscrizione (gratuita) MyBusinessplan.it permette di scaricare gratuitamente moltissimi business plan di esempio, divisi per attività commerciale e imprenditoriale. In più, ci si può mettere in contatto con i consulenti del sito che possono realizzare (questa volta a pagamento) il piano più adatto alle esigenze dei clienti.

Le app per il business plan. Anche il mercato delle applicazioni si è attivato per fornire supporto nella scrittura del business plan. Pensato per iPad, a pagamento (il download costa circa 10$), Business Plan Premier comprende un tutorial che accompagna passo passo nella scrittura del business plan e una piattaforma per condividerlo gli investitori. Elevatr è una app iOS che costa 4,99$ e che permette di tenere traccia come in un blocco note di tutte le idee per il business plan. Gratis, pensata per iPhone e iPad, 5min business plan permette di creare un’infinità di business plan a costo zero. Molto utilizzata, gratis, pensata per i dispositivi Android, è Business Plan & Start Startup, che consente di creare il proprio piano aziendale e di condividerlo con i contatti.

Costruire un business plan con Excel. Excel, programma di Microsoft che gestisce i fogli di calcolo, fornisce tutte le categorie essenziali e le informazioni basilari che devono essere incluse in un piano d’impresa. Basta andare su “Progetti e Proposte” nella colonna del menu principale, selezionare la voce “Business Plan”, quindi “Piano di esempio di Business”. Su questo esempio si potranno riportare tutte le informazioni relative alla propria idea imprenditoriale.

I tutorial per il business plan. In rete ci sono anche diversi tutorial per chi vuole capire come realizzare il proprio business plan. Molto utili i video realizzati dall’Università Bocconi (divisi in I parteII parte e III parte) e quelli che spiegano come utilizzare Excel per realizzare il proprio piano aziendale (lezione 1, lezione 2lezione 3 e lezione 4).