Anziani smart: tutti i consigli per una terza età dinamica

Condividi su:

Sempre più impegnati e tecnologici, i non più giovanissimi sono attivi e propositivi: viaggi, università e un mare di app su misura per loro

Una giornata per festeggiare gli anziani. Ogni anno il I ottobre, così come stabilito dall’Onu nel 1990, si celebra la “Giornata internazionale delle persone anziane”, momento di riflessione che punta a valorizzare il ruolo nella società contemporanea di chi non è più giovanissimo. Un ruolo che non può essere marginale, considerando anche il processo di invecchiamento della popolazione mondiale. I numeri lo confermano: entro il 2050 – dice un recente rapporto dell’Onu – gli anziani nei paesi sviluppati saranno il doppio di bambini. Per dare una mano a chi non è più giovane ogni comune attiva diversi servizi a livello locale: per sapere quali sono basta consultare i siti delle singole amministrazioni.

L’associazione che organizza i viaggi ai non più giovanissimi. Non sempre i figli riescono a prendersi cura dei genitori, specie se vivono e lavorano in un’altra città. Anche in questo caso un punto di riferimento per i non più giovanissimi può essere l’Auser, associazione di volontariato e di promozione sociale diffusa in tutta Italia che punta a favorire l’invecchiamento attivo. Attraverso il numero verde (800995988, attivo tutti i giorni dalle 8 alle 20) gli 8 mila volontari Auser ricevono più di due milioni di chiamate l’anno. L’associazione offre compagnia, trasporto di medicine, aiuto nelle attività domestiche ecc. I volontari, poi, si occupano anche dell’organizzazione di viaggi e di attività ricreative.

L’università per la Terza Età. Per chi dopo la pensione ha deciso di rimettersi a studiare l’offerta è veramente ampia. In moltissime città, infatti, ci sono le “Università della Terza Età” o “Università popolari”, che offrono grande varietà di corsi (lingue, decoupage, storia, informatica ecc.). Gestiti da associazioni o fondazioni, questi istituti sono autonomi nell’organizzazione di corsi e programmi ma rispondono comunque a requisiti minimi per essere riconosciuti dalle Regioni di appartenenza. In molti casi i corsi sono finalizzati al conseguimento di certificazioni ampiamente riconosciute, dal patentino informatico Ecdl alla Cils (certificazione dell’italiano come lingua straniera) fino alla Microsoft Business Certification. Ogni “Università della Terza Età” prevede un contributo economico per l’iscrizione e la frequentazione dei corsi. Per sapere qual è l’Ateneo più vicino si possono consultare i siti delle federazioni nazionali (FederUni, per esempio).

Le app per allenare la mente… Sugli store online ci sono moltissime applicazioni per tenere allenata la mente. Lumosity, per esempio, creata nel 2007 da una società che si occupa di ricerca in neuroscienze, mette a disposizione 40 giochi per testare memoria, attenzione e velocità di elaborazione attraverso programmi di allenamento personalizzati. Stesso principio alla base di Memory Trainer, app gratis per Android che mette a disposizione esercizi che puntano a migliorare memoria e capacità di concentrazione in modo divertente. Brain+, disponibile gratis su App Store nella versione base (la versione che permette di avere esercizi mirati costa 3,59 euro) consente anche di tracciare i progressi conseguiti e di definire gli obiettivi per l’allenamento. Pensato per tutte le età, Laboratorio di cervello è un gioco educativo che migliora calcolo e capacità di memoria visiva e consente di condividere i risultati sui social network.

…E quelle per ricordarsi di non dimenticare. Pillboxie, 0,89 centesimi per IPhone e IPod Touch, aiuta a ricordare i medicinali da prendere: basta inserire il farmaco e il dispositivo ricorda quando assumerlo, anche se il telefono è spento (molto simile ma per Android è PillBox). Per tenere traccia dei piccoli disturbi quotidiani, invece, si può utilizzare My Pain Diary (per iOS e Android), che permette di annotare in una sorta di diario ciò che si vuole monitorare. Infine, per ovviare al problema dei tasti del telefono troppo piccoli, si può scaricare BigLauncher, che ha un’interfaccia semplificata con icone grandi.