Animali domestici sani e felici risparmiando

Condividi su:

Dal veterinario convenzionato al dog-sitter low cost, dal cibo in sconto ai giochi fai-da-te, come risparmiare sulle spese degli animali domestici.

In tempo di crisi gli italiani tagliano le spese di casa ma non risparmiano sui loro amici a quattro zampe (Eurispes). Tra vaccinazioni obbligatorie, cure, cibo, giochi e altri prodotti per cani e gatti, i proprietari di animali domestici spendono nel nostro paese da 50 a 200 euro al mese, senza considerare i costi per cure veterinarie eccezionali, biglietti navali e aerei per pet a bordo, dog e cat sitter. Eppure anche sui propri beniamini si può risparmiare, senza rinunciare al loro benessere. Ecco tutte le occasioni in cui è possibile tagliare le spese.

A casa. Comprare online permette spesso di risparmiare rispetto ai costi del negozio di quartiere o del supermercato. Su siti come Zooplus si riceve un regalo di benvenuto per il primo acquisto e uno sconto del 10% sugli ordini successivi e si trovano sempre offerte su una grande varietà di prodotti, dal cibo alle lettiere, dai giochi alle cucce. Oltre al prezzo più leggero, c’è il vantaggio della consegna a domicilio, utile per fare scorta. A proposito di scorta, comprare pack di prodotti e confezioni grandi aumenta il risparmio fino al 30%, se si considera anche la spedizione gratuita (per ordini al di sopra ai 35 euro su Zooplus). Gli stessi consigli valgono per Zoolandia (che offre sempre la consegna gratuita) e altri siti simili come Husse. Anche Amazon vende prodotti per i nostri amici a quattro zampe, e se si ha un abbonamento a Prime non si paga la spedizione (c’è anche il vantaggio della consegna in un’ora con Prime Now per chi abita a Milano). E per quanto riguarda il divertimento dei nostri amici? Sono tantissimi i giochi per cani e gatti da realizzare in casa con materiali di scarto, a costo zero. Per i più tecnologici, poi, ci sono chicche gratuite come Cat Tv, per intrattenere il micio di casa, e Music per Pets, per far rilassare animali iperattivi.

Dal veterinario. Le spese veterinarie sono inevitabili, a partire dalle vaccinazioni obbligatorie fino a eventuali cure speciali per il proprio amico a quattro zampe. Ma le visite possono essere gratuite, quando ci si rivolge ai  veterinari convenzionati con l’ASL: ecco la lista dei veterinari convenzionati milanesi e di quelli romani. A Milano c’è anche l’ENPA, che offre prestazioni veterinarie gratuite dalle 9 alle 24 tutti i giorni, festivi e domeniche compresi. Se invece vi serve un consiglio su dieta, comportamento o sintomi non urgenti, ci sono diversi servizi gratuiti online che permettono di ricevere la risposta di un veterinario dopo aver compilato un semplice form con i propri dati e la propria domanda: l’esperto online di Purina , i veterinari di Tutto Zampe, e quelli di VetClick.

Inoltre,  ogni anno si può detrarre dall’Irpef il 19 per cento delle spese veterinarie. I proprietari di animali legalmente detenuti per compagnia o per pratica sportiva, in sede di dichiarazione dei redditi, possono infatti detrarre il 19% delle spese veterinarie sostenute sulla parte che eccede l’importo di euro 129,11 e nel limite massimo di euro 387,34. Si può poi usufruire di visite gratuite rivolgendosi ai

In vacanza. Se non si può portare il proprio amico a quattro zampe in vacanza, rivolgersi alle pensioni per animali può essere piuttosto costoso, specie per periodi prolungati (i prezzi vanno da 8 a 20 euro al giorno). Meglio cercare un cat o dog sitter con l’aiuto di siti e app (gratuiti) come Petme e DogBuddy. Entrambe permettono di cercare i profili in base alla città e al periodo richiesto e le tariffe variano a seconda di distanza, tipo di festività, esperienza del dog/cat sitter. Si può richiedere la visita al domicilio al proprio pet o portarlo a casa del dog/cat sitter, che di solito ha spazi attrezzati per gestire con cura e amore più di un animale. Per risparmiare è preferibile scartare l’opzione visita a domicilio, che solitamente comporta un rimborso spese oltre alla tariffa quotidiana, e portare micio o fido a casa di chi se ne occuperà. Chi non vuole spendere nulla può ricevere assistenza gratuita per il proprio animale con lo scambio di competenze, ad esempio offrendo al dog/cat sitter lezioni di inglese o di cucina in cambio del suo servizio. I principali siti per lo scambio di competenze sono Scambioscambio e Banca del tempo, ma si possono fare accordi simili anche tramite annunci sulle bacheche come Kijiji e Subito.