5 modi per difendere la connessione wifi

Condividi su:

Le app, le password e le giuste configurazioni per verificare la sicurezza del wifi e proteggere la rete di casa.

Le reti wireless sono ormai un punto fermo per la connessione a Internet nelle case degli italiani, si tratta solo di scegliere tra adsl e fibra ottica e di adottare alcuni accorgimenti perché la rete funzioni al meglio. Le connessioni wireless però sono anche le più esposte a intrusi e hacker, tanto che persino il sito della Difesa dedica una pagina alla questione della sicurezza della rete. Questo non significa che non sia possibile navigare tranquilli: basta qualche attenzione per mantenere la sicurezza dei nostri dati. Ecco 5 passi per proteggere meglio la vostra rete wifi.

1. Sostituire le password di default. La prima regola per proteggere la connessione wireless di casa è modificare la password di amministratore, preimpostata nel proprio modem/router (solitamente 1234 o admin), con una più complessa, composta da almeno 8 caratteri alfanumerici. In questo modo potremo tutelare maggiormente la pagina di configurazione del dispositivo. Se il vostro router è stato fornito direttamente dall’operatore (Vodafone, Fastweb, Telecom, Tiscali, Tre) è molto importante modificare anche la password preimpostata per la connessione, per evitare che i vicini la individuino e vi si connettano sfruttando i software che permettono di bucare le reti.

2. Utilizzare il protocollo sicuro WPA2. Per trasmettere dati nell’etere, il router utilizza dei protocolli di comunicazione crittografati secondo precisi standard. Nella pagina di configurazione del router, nella sezione dedicata al modulo wireless, sarà possibile impostare il protocollo da utilizzare, scegliendo tra quelli offerti dal dispositivo. Quello consigliato è denominato WPA2 (l’evoluzione più sicura delle precedenti protezioni WEB e WPA). Se il vostro router lo prevede, utilizzate questo protocollo, assegnando una password alfanumerica, meglio se inserendo anche caratteri speciali (“#”, “@” e “*”). Molti modem sono dotati del pulsante WPS per connettere pc, smartphone e tablet compatibili con questa tecnologia con un semplice click: meglio non utilizzare questa opzione, che nel tempo ha mostrato alcune vulnerabilità.

3. Rendere invisibile la propria rete. Solitamente il SSID, ovvero il nome della rete wireless, è visibile da chiunque si trovi nelle vicinanze di casa nostra. Eppure il SSID può essere nascosto e reso invisibile a chiunque, selezionando l’opzione “Disable SSID Broadcast” sul proprio router. Una volta resa invisibile la vostra rete, per collegare pc, smartphone e tablet dovremo impostare una connessione manuale.  Alcuni dispositivi hanno la possibilità di trasmettere su due reti wireless contemporaneamente, solitamente a frequenze differenti (2,4 e 5 Ghz), e scegliere quale delle due attivare e disabilitare, direttamente dal menu dell’apparecchio. Questa tecnologia viene sfruttata anche da servizi di internet condiviso come Fastweb WOW Fi, dedicato ai clienti dell’operatore che vogliono collegarsi in wireless fuori dalle proprie mura domestiche. Il servizio è riservato agli utenti Fastweb – che attivando WOW Fi riceveranno le credenziali di accesso per connettersi in sicurezza a ogni rete Fastweb in Italia – ma può essere tranquillamente disabilitato tramite la propria pagina personale sul sito dell’operatore.

4. Verificare la sicurezza del wifi con le app. Esistono numerose app per testare la vulnerabilità della propria rete wireless domestica. Il funzionamento è lo stesso per quasi tutte: oltre a individuare la rete e misurarne la potenza, identificano il tipo di protezione adottata cercando di “indovinare” la password, sfruttando un vasto database contenente le più utilizzate e quelle predefinite (preimpostate dagli operatori). Per gli smartphone segnaliamo Router Keygen per Android e Nmap, software completo da installare su PC, compatibile con Windows, Mac e Linux. Se una di queste app riesce a captare la password della vostra connessione, correte subito ai ripari.

5. Posizionare il router correttamente. Il segnale di una rete senza fili si propaga in tutte le direzioni, ecco perché la sua posizione è fondamentale per evitare intrusioni. Se il router si trova accanto al muro che separa il proprio appartamento da quello del vicino, è probabile che il segnale arriverà anche lì: conviene quindi allontanare il router dalla strada e dalle pareti confinanti con altri appartamenti. A proposito dei nostri vicini, bisogna sapere che il wireless viene irradiato utilizzando canali di trasmissione che possono anche essere modificati manualmente: se nelle vicinanze di casa è presente qualche router che trasmette con la stessa frequenza del nostro, sarà utile modificare il canale utilizzato di default con uno differente.