Gli errori da evitare su Facebook

Condividi su:

I social network sono strumenti in continuo sviluppo. Questo rende facile commettere sviste che possono costare in termini di reputazione e denaro. Scoprite nella nostra gallery cosa evitare quando siete su Facebook.

Qualche tempo fa vi abbiamo parlato della nuova sezione di data policy messa a disposizione da Facebook a tutela dei propri utenti. Ma vediamo alcune regole alla portata di tutti per un uso consapevole del social network più amato dagli italiani.

1. Non indicare la data di nascita completa e informazioni sulla famiglia. Tutti noi siamo ormai abituati a ricevere ondate di auguri di buon compleanno in bacheca, da amici o conoscenti grazie ai memo che Facebook pubblica in occasione della vostra data di nascita. Inoltre, viene quasi spontaneo arricchire le proprie informazioni personali con il nome dei propri genitori o addirittura del proprio animale domestico! Tutte queste informazioni, però, possono attrarre persone intenzionate ad hackerare i vostri account personali con attacchi che in gergo si chiamano di “ingegneria sociale”. Di cosa si tratta esattamente? Nel campo della sicurezza informatica, questa espressione si riferisce a una serie di tecniche adottate da cybercriminali per ottenere informazioni sensibili dalle proprie vittime, convincendole a eseguire determinate operazioni. E’ quindi preferibile evitare  di inserire nel profilo informazioni di questo genere.

2. Non pubblicare in “in forma pubblica”. Raccontarsi ai propri amici e conoscenti su Facebook è un modo divertente per condividere le proprie esperienze e preferenze in un batter di ciglio, dovunque vi troviate. Considerate però che tutto quello che viene condiviso in forma pubblica su viene in quel momento “gridato” a una piazza nella quale potrebbero trovarsi i vostri amici e familiari, ma anche sconosciuti, colleghi, datori di lavoro, ex fidanzati e fidanzate o addirittura persone pronte ad organizzare una frode online a vostro discapito. Rafforzate le impostazioni del vostro account, in modo che i vostri contenuti vengano condivisi solo con i vostri “Amici” o “Amici di amici”.

3. Evitare le password semplici da ricordare. La parola che ci permette di accedere alla nostra vita digitale dev’essere ormai sicurissima: dentro ogni social newtork sono ormai riposte foto, messaggi privati e informazioni che non vorremmo di certo condividere con dei perfetti sconosciuti. Prendetevi un po’ di tempo per scegliere una password efficace, evitate le combinazioni di 3, 4 caratteri e se scegliete una parola, associate a questa un numero, la renderà molto più sicura.

4. Non dichiarate sempre la vostra posizione. Tra le funzionalità più in voga degli ultimi tempi, la condivisione della propria posizione nelle occasioni più svariate: una gita fuoriporta, la visita a un museo, la visione di un film al cinema e tanto altro. Questo gesto semplice e innocente, rivela in realtà moltissime informazioni sensibili sul vostro conto: dove lavorate, dove vivete e anche e soprattutto quando non siete in casa (anche in vacanza!). Attenzione quindi a limitare la visibilità dei vostri check-in a una ridotta lista di persone.

5. Non accettate amicizie digitali da persone che non conoscete. Capita a tutti, spesso e volentieri: si riceve una notifica di  richiesta di amicizia e al primo sguardo questo utente non ci dice nulla. Non ci ricordiamo di aver conosciuto prima questa persona, ma abbiamo degli amici in comune  e lo accettiamo. Ma potrebbe essere un errore. Questa persona ora può infatti accedere  a tutte le vostre informazioni e a quelle dei vostri amici che pubblicano in modalità “amici di amici”, ai quali potrebbe mandare nuove richieste di amicizia per aumentare la propria popolarità o messaggi di spam o anche dannosi. Accettate quindi sempre e soltanto persone che conoscete davvero.

In collaborazione con