10 consigli per proteggere privacy e reputazione sui social media

Condividi su:

I social media fanno parte della nostra vita quotidiana: ecco come frequentarli senza sorprese.

Li utilizziamo sempre più assiduamente, per restare in contatto con amici e famiglia, condividere momenti, cercare lavoro o tenerci aggiornati. Questo comporta però una forte esposizione ad eventuali rischi online: è quindi buona norma controllare costantemente le impostazioni di privacy, spegnere la geolocalizzazione, riflettere su cosa stiamo per postare. Ecco le regole base per difendersi in rete:

1. Registrarsi consapevolmente. Iscriversi a nuovi portali è diventato davvero semplice e automatico, ma è importante leggere con attenzione le pagine “privacy” o “privacy policy” dei siti prima di registrarsi: informano sulla possibilità o meno di cancellare completamente il proprio profilo.

2. Selezionare i propri contatti. Ogni social network prevede la possibilità di scegliere con chi condividere le informazioni: cercate di farlo soltanto con chi frequentereste anche nella vita reale: amici, colleghi, parenti.

3. Alzare le barriere. Quando impostate il livello di privacy del vostro profilo, cercate di limitare la disponibilità di informazioni, soprattutto per quanto riguarda la reperibilità dei dati da parte dei motori di ricerca.

4. Riflettere prima di pubblicare. Quando state per condividere un qualsiasi contenuto domandatevi “Vorrei che questa foto o questo tweet venissero visualizzati tra 5 anni?”: se la risposta è negativa, non procedete alla pubblicazione. Le informazioni postate in rete possono infatti riemergere anche a distanza di anni. La stessa precauzione va presa per contenuti che riguardano altre persone.

5. Prestare attenzione a eventuali implicazioni legali. Ogni volta che agite sui social network, tenete ben presenti le possibili implicazioni legali di ciò che state postando, e ricordate: il sito che state navigando potrebbe sottostare a leggi estere. Informatevi attentamente prima di procedere.

6. Trovare lavoro grazie ai Social Network. La ricerca di un posto – così come quella di nuovi talenti – è sempre più digitale. Gli addetti alla selezione del personale delle aziende controllano spesso i profili social dei candidati: LinkedIn, Twitter, Facebook, Google+, Instagram. Assicuratevi quindi di uniformare le informazioni presenti sul web a quelle del vostro curriculum.

7. Fare attenzione alla geolocalizzazione. Molti social network attivano in automatico la funzione di geolocalizzazione: ricordate di disattivarla per evitare che sia sempre pubblico dove vi trovate e con chi.

8. Segnalare eventuali abusi. Può capitare di sentirsi sotto pressione o minacciati da altri utenti sui social. Nel caso in cui questo succedesse, segnalate subito l’accaduto ai gestori del sito. Il nome di chi ha segnalato un abuso non sarà mai rivelato.

9. Tutelare i propri figli, anche online. Se avete figli che navigano il web, aprite un profilo sui social da loro frequentati: vi aiuterà a individuare i rischi cui si espongono e a capire come limitarli.

10. Proteggetevi da eventuali virus informatici. Ricordate di aggiornare spesso l’antivirus dei vostri pc e smartphone. Per accedere ai social usate sempre password diverse da quelle utilizzate su altri siti.

Buona navigazione!