Viaggiare (r)assicurati!

Come girare il mondo in tutta tranquillità ed evitare che un imprevisto vi rovini la vacanza…

Con l’estate è tempo per molti delle meritate vacanze. Per evitare che i viaggi all’estero possano diventare un incubo è meglio partire preparati.

Perché stipulare un’assicurazione? Stipulare un’assicurazione di viaggio può spesso rivelarsi un importante paracadute in caso di problemi di salute o danni di altro tipo. Anche se sarebbe meglio averne una ogni qual volta si mette un piede fuori dall’Italia, è fortemente raccomandato essere coperti quando si affrontano viaggi lunghi, per mete lontane o esotiche.

Tipologie di assicurazioni. Le ragioni per cui può risultare utile stipulare un’assicurazione sono molte, ecco le principali tipologie:

– Annullamento. Formula assicurativa facoltativa che copre le spese dovute all’eventuale annullamento del viaggio nei tempi e nei casi previsti dalla polizza.

– Bagaglio. Offre una copertura più o meno completa in caso di danni al bagaglio e/o al suo contenuto o il suo smarrimento.

– Infortuni o malattie. Questo genere di assicurazioni può essere facoltativo o obbligatorio e serve a coprire spese derivanti da prestazioni mediche, che siano semplici prescrizioni o ricoveri.

–Copertura RC auto all’estero. Chi viaggia all’interno dell’Unione europea non ha bisogno di sottoscrivere altre coperture assicurative. Per guidare la propria auto in altri paesi è invece necessario munirsi della Carta Verde per non dover sottoscrivere un’ulteriore polizza aggiuntiva ed essere in possesso della patente di guida internazionale se ci si reca in un paese extra Ue.

Uffa, non parto più. Esistono assicurazioni di annullamento più o meno care e questo è dovuto al livello di copertura offerto. Generalmente riguardano eventi inattesi e non programmabili come malattia e ricovero del viaggiatore o di parenti stretti. Riguardano tutti i servizi prenotati in Italia prima della partenza (dal volo all’hotel, passando per gite ed escursioni). Come per tutte le polizze è essenziale leggere tutte le condizioni di sottoscrizione per evitare spiacevoli inconvenienti nel momento del bisogno.

Preventivo tipo. Una polizza di annullamento valida per un viaggio di una settimana di un adulto in America oscilla tra i 20 e i 40 euro a seconda dell’estensione della copertura.

Dov’è finita la mia valigia? I contratti di assicurazione del bagaglio consentono il rimborso del valore del bagaglio e del suo contenuto sia se questo viene consegnato in ritardo (in genere se oltre le 48 ore), danneggiato o definitivamente smarrito. Possono essere stipulate direttamente con la compagnia di volo o con assicurazioni private.

Dal dottore. I cittadini italiani che viaggiano all’interno dell’Unione europea possono ricevere cure esibendo semplicemente la Tessera Europea di Assicurazione Malattia (Team), semplicemente nota come “tessera sanitaria”. Al di fuori dell’unione la situazione è differente di paese in paese, in base alla presenza o meno di accordi tra l’Italia e i governi locali. Per conoscere le norme in vigore di ogni stato si consiglia di visitare il sito viaggiaresicuri.it del ministero degli Esteri.

Occhio agli Usa. I servizi sanitari negli Stati Uniti sono tra i più cari del mondo. A tal proposito è importante stipulare una assicurazione che oltre a coprire prescrizioni mediche e ricoveri, abbia un massimale abbastanza elevato. Massimali di 20 mila euro, ad esempio, potrebbero non essere sufficienti a coprire un ricovero ospedaliero. Il discorso è valido per tutti quei paesi in cui la sanità è privata.

Una brutta esperienza. Alessandro Amadori, un ragazzo 26enne originario di Olbia, è stato ricoverato in un ospedale di Phuket, Thailandia, a seguito di un incidente in moto. Giunto alla struttura privata si è visto rifiutare l’assistenza medica se non fosse stata pagata una somma pari a cinquemila euro. I medici hanno proceduto con le cure necessarie solo 12 ore dopo il ricovero e l’intervento del console italiano. (La Nuova Sardegna).

Cuba, assicurazione obbligatoria. A partire dal 1 maggio 2010 chiunque voglia recarsi a Cuba deve stipulare un’assicurazione sanitaria obbligatoria. Nell’isola caraibica la sanità è pubblica solo per i cittadini, i turisti in visita con regolare permesso di residenza devono munirsi di assicurazione medica prima di arrivare o farlo una volta giunti alla dogana. Le polizze ritenute valide sono quelle riconosciute dallo stesso governo cubano e collegate alla compagnia assicurativa Asistur Sa. È possibile consultare l’elenco delle compagnie convenzionate sul sito asistur.cu. Le assicurazioni hanno un costo medio giornaliero di due euro e coprono un massimale intorno ai 20 mila euro.

Un lungo viaggio in auto. Qualora si decida di recarsi con la propria vettura in un paese extra Ue è necessario procurarsi la Carta Verde, il certificato internazionale che consente ad un veicolo di entrare e circolare in uno Stato estero essendo in regola con l’obbligo dell’assicurazione RCA del Paese visitato. È possibile ottenere la Carta Verde richiedendola direttamente alla propria compagnia assicuratrice e spesso viene rilasciata gratuitamente (a volte è richiesto il pagamento di circa 3 euro). È possibile sopperire alla mancanza di questo documento stipulando una polizza direttamente alla frontiera, ma a costo decisamente superiore.

Quando serve? È necessario essere in possesso della carta verde quando ci si reca nei seguenti paesi: Albania, Bielorussia, Bosnia Erzegovina, Iran, Israele, Macedonia, Marocco, Moldavia, Montenegro, Russia, Tunisia, Turchia, Ucraina.

Viaggiando in treno. Trenitalia in accordo con Mondial Assistance propone Trenitalia All Inclusive che con soli 3,70 euro offre il rimborso del biglietto in caso di rinuncia al viaggio per un motivo documentabile, l’assistenza sanitaria 24 ore su 24 (fino ad un massimo di 15 giorni) e in caso di furto al bagaglio durante il viaggio, un rimborso e l’indennizzo per le spese di prima necessità sostenute.

Così scio tranquillo. Alcune compagnie assicurative mettono al sicuro anche dai danni che possono avvenire per chi pratica gli sport invernali. Europ Assistance offre Sci noproblem a partire da 25 euro in cui è possibile proteggersi da spese mediche e rientro sanitario, ma non solo. Possono essere rimborsate anche le lezioni pagate e non godute, lo skipass e il noleggio sci. Le formule possono essere settimanali o annuali.

Assicurazione avventura. Chi pratica sport estremo può pensare di assicurare la propria voglia di adrenalina. La Columbus assicurazioni infatti ha creato un pacchetto che include 60 attività estreme, dal bungee jumping al surf. Saggio e meno spericolato.

Pensato per i velisti. La Mondial assistance ha pensato a chi ama andare in barca a vela. Che sia una singola uscita o una crociera, con Mondial Sea è possibile mettersi al riparo da malori durante la navigazione o guasti al motore. È previsto l’invio immediato di un medico in caso di problemi di salute e di uno skipper o di un equipaggio per il recupero dell’imbarcazione.

Esempio. Una settimana di assicurazione per un uomo adulto costa 7 euro.

redazione


10
0
0
0
 
0

10