Vacanze: soddisfatti e rimborsati

In tenda a meno di venti euro a notte, in bed and breakfast gratis, in albergo col rimborso: ecco perché andare in villeggiatura non è mai stato così conveniente

Più italiani in vacanza, meno budget. Per il 45% degli italiani, spiega una recentissima indagine Confesercenti-Swg, l’estate 2014 sarà una stagione a luci e ombre: cresce, per la prima volta dal 2010, il numero dei vacanzieri (+6%, circa 1.542.000 villeggianti in più), diminuisce il budget a disposizione: la somma media a persona arretra del 18% rispetto all’estate del 2013, attestandosi a 788 euro. Nella pianificazione delle vacanze agosto rimane il mese preferito per partire (l’hanno scelto il 54% degli italiani), segue luglio, scelto dal 34%, e chiude settembre, mese in cui andrà in vacanza il 18% degli italiani. Per tutti i vacanzieri, però, la priorità sarà spendere il meno possibile. Di come risparmiare in vacanza abbiamo parlato più volte: c’è lo scambio casa, c’è il fai da te, ci sono molti modi per prenotare voli spendendo meno, c’è Groupage. A questi consigli si aggiungono nuove trovate: ecco le più convenienti.

Campeggiare in giardino. L’ultima tendenza per viaggiare risparmiando ha impatto quasi zero e molti risvolti eco-friendly. Il progetto si chiama “Campinmygarden” (in pratica “campeggia nel mio giardino”), ha preso il via nel 2010 da un’idea della giovane imprenditrice inglese Victoria Webbon e, a oggi, prevede 300 indirizzi in Gran Bretagna, altrettanti nell’Europa continentale (15 in Italia) e 250 nel resto del mondo. In pratica si tratta di un network di giardini privati dove si può dormire in tenda a prezzi più che abbordabili, da 10/15 sterline a notte (meno di venti euro). Molti ospiti arrivano con la loro attrezzatura da campeggio, altri la trovano sul posto. Oltre alla disponibilità, sul sito ufficiale è possibile verificare di quali servizi il giardino dispone (acqua calda, docce, accesso wifi ecc). In occasione di eventi speciali nascono campeggi temporanei: a Glastonbury, per esempio, per il celebre festival di musica, nelle zone dello Yorkshire toccate dal Tour de France (partito dall’Inghilterra il 5 luglio). Il sistema è semplice: ci si iscrive al sito, si sceglie il giardino e ci si accorda col proprietario. C’è chi offre solo un pezzetto di prato e l’uso di doccia e bagno con acqua calda, chi affitta caravan comprensivi di wifi e tv. Anche il prezzo è molto diverso da caso a caso: capita addirittura di dormire gratis.

In b&b gratis con il baratto. La garanzia di non pagare nulla per il soggiorno si ha scegliendo una struttura sul sito barattobb.it, network di bed & breakfast italiani che offrono ospitalità in cambio di cibo, manodopera, libri e molto altro ancora. La filosofia del portale è ben spiegata sul sito: “Sei un fotografo professionista e vorresti realizzare un book alla struttura disposta ad ospitarti? Hai una collezione di soldatini di rame e cerchi un amatore/gestore di B&B pronto a fornirti alloggio e colazione gratis in cambio? Vorresti provare l’ebbrezza bucolica di raccogliere le olive, le mandorle, le mele in cambio di un soggiorno in B&B? Esistono centinaia di bed and breakfast in tutta Italia che hanno sposato la filosofia del BARATTO TUTTO L’ANNO”. Sul portale la ricerca delle strutture può essere effettuata per regione o città o in base alle richieste degli albergatori: c’è chi cerca un tv a schermo piatto, chi un tablet, chi una collezione di fumetti, basta accordarsi sul valore della merce di scambio e sull’equivalente numero di notti.

Pagati per provare. Non è una missione impossibile neppure soggiornare in hotel di lusso a poco prezzo, basta proporsi come tester. Trivago, famoso portale di ricerca e di confronto hotel, offre la possibilità di testare alberghi in varie località d’Europa e d’Italia e di essere rimborsati per il servizio, fino a 80 euro, per rispondere a un questionario molto dettagliato (circa 400 domande) sui servizi offerti dalla struttura. Lastminute.com, invece, nella sezione Top Secret Hotels propone sconti a chi accetta di sapere, solo a prenotazione avvenuta, quale sarà l’albergo di destinazione: si indicano date, prezzo, città e categoria di alloggio e ci si affida al motore di ricerca. Per proporsi come tester basta cercare un hotel su questa pagina di Trivago, inserendo le date scelte per il soggiorno. A questo punto sarà richiesto di registrarsi come hotel tester per valutare la struttura. Si dovrà prenotare regolarmente, pagando l’importo indicato. In seguito al soggiorno e alla compilazione del questionario di valutazione della struttura, si riceve il premio sul proprio conto corrente.

redazione


291
1
0
3
 
0

295