Contro il caldo: non solo il condizionatore

Ventilatori da soffitto, impianti a pavimento, tende da sole fotovoltaiche: in estate l’aria condizionata non è l’unica soluzione. Ecco le alternative che consentono di risparmiare.

Con l’estate alle porte pensare a come rinfrescare gli ambienti domestici diventa una necessità. Secondo i calcoli di Facile.it, comparatore specializzato anche nel settore delle tariffe energetiche, la spesa media che le famiglie italiane sostengono  per stare al fresco in casa propria con l’aiuto dei condizionatori d’aria è di circa 410 euro l’anno. Una somma di tutto rispetto che può essere ridotta sfruttando tutta una serie di strategie anticaldo alternative. Ecco quelle più interessanti.

Climatizzare la casa naturalmente in fase di progettazione. Già nella progettazione e nella costruzione di una casa si possono adottare stratagemmi per isolarla dal caldo. Si parte dal colore: per l’esterno della propria abitazione preferire le tinte chiare a quelle scure, che assorbono maggiormente il calore. Isolare il tetto con una copertura in fibra di vetro e alluminio, che aiuterà a riflettere i raggi del sole. Installare porte e finestre con vetri riflettenti, che assorbono il calore e lo riflettono, e serramenti con vetri doppi, che isolano dal freddo e dal caldo.

Ventilatori da soffitto. Un buon ventilatore da soffitto permette di rinfrescare una stanza a un costo più basso rispetto a un condizionatore. Si risparmia sia in fase d’acquisto (i ventilatori costano molto meno dei condizionatori, sul web e nella grande distribuzione si trovano anche a poche decine di euro mentre per i condizionatori la spesa di partenza è di almeno 200 euro installazione esclusa) sia in termini di consumi energetico. Il confronto è semplice: il condizionatore consuma circa 700 watt l’ora, che – se si ipotizzano 10 ore di accensione al giorno -, produrranno una spesa di almeno 100 euro al mese. Il ventilatore, invece, consuma in media 50 watt l’ora, che in bolletta vuol dire circa 20 euro. Altri vantaggi rispetto al condizionatore: il refrigerio immediato e un’installazione molto più semplice. Nella scelta bisogna valutare l’ambiente in cui sarà installato: maggiore è il volume della stanza, più il ventilatore dovrà essere potente e dotato di pale di grandi dimensioni. La distanza ideale tra le pale del ventilatore e il pavimento è di circa due metri e mezzo. Tra i modelli più nuovi in commercio (questo il sito in cui è possibile acquistarlo) c’è Symphony di Hunter, ventilatore che i dispositivi Apple possono gestire anche attraverso i comandi vocali di Siri

Ventilatori senza pale. Sempre più diffusi sono i ventilatori senza pale che, a prima vista, ricordano grandi lenti d’ingrandimento. L’eliminazione delle pale ha comportato un miglioramento delle prestazioni e della capacità dello strumento di generare aria fresca. Alla base del piedistallo del ventilatore, infatti, c’è un motore in grado di aspirare l’aria calda dall’esterno, raffreddarla e rilasciarla con una forza molto superiore rispetto agli apparecchi tradizionali. La particolare struttura rende questi dispositivi molto sicuri rispetto ai modelli tradizionali con i quali c’è la possibilità di urtare inavvertitamente le pale mentre sono in azione. Su Amazon si trovano a partire da cento euro.

Raffreddare casa con l’impianto a pavimento. Un’alternativa ai condizionatori è il sistema a pavimento, uno dei migliori in termini di risparmio energetico (rispetto a un impianto tradizionale il risparmio energetico è compreso tra l’8 e il 30%). Con l’impianto a pavimento, tramite un sistema radiante si può riscaldare la casa in inverno e raffreddarla d’estate: se nei mesi freddi sarà necessario riscaldare il liquido, in estate si userà acqua fredda per abbassare la temperatura. Questo sistema non comporta un abbassamento immediato della temperatura ma permette di ridurre i consumi elettrici e di raffreddare l’ambiente in maniera uniforme e senza movimenti d’aria.

Tende da sole e coperture scorrevoli. Tende da sole e coperture scorrevoli sono schermature solari che consentono di proteggere gli spazi dall’irraggiamento e di renderli vivibili anche durante le giornate più calde. Oltre al comfort, le schermature solari sono anche convenienti: fino al 31 dicembre 2016, infatti, è possibile accedere agli incentivi fiscali del 65% previsti per il loro acquisto e la loro posa, nell’ambito degli interventi tesi alla riqualificazione energetica degli edifici. Tra le tende da sole più innovative ci sono quelle fotovoltaiche completamente arrotolabili e in grado di produrre energia elettrica sfruttando l’irraggiamento solare e riparando la nostra casa dal sole. I prezzi di queste tende partono da circa 1000 euro e ovviamente cambiano in base alle dimensioni: si possono comprare nei negozi che vendono tende da sole.

I consigli dell’Enea per chi non usa l’aria condizionata. A chi non vuole fare a meno dell’aria condizionata, l’agenzia nazionale per le nuove tecnologie consiglia di:

  1. Scegliere un condizionatore nella classe energetica più alta possibile. I modelli in classe energetica A o superiore costano di più ma consumano molto meno.
  2. Preferire gli inverter che adeguano la potenza all’effettiva necessità e riducono i cicli di accensione e spegnimento.
  3. Posizionare il climatizzatore nella parte alta della parete perché l’aria fredda tende a scendere e si mescola più facilmente con quella calda che invece tende a salire. Evitare di mettere il climatizzatore dietro divani o tende per non avere l’effetto barriera. Coibentare i tubi del circuito refrigerante all’esterno dell’abitazione e non esporre la parte esterna del climatizzatore direttamente al sole e alle intemperie.
  4. Meglio un climatizzatore in ogni stanza che un solo potente condizionatore nel corridoio perché non riesce a rinfrescare tutta la casa.
  5. Non raffreddare troppo l’ambiente: se il caldo non è torrido, di solito due o tre gradi in meno della temperatura esterna sono sufficienti.

Il sesto consiglio lo diamo noi: pulire regolarmente i filtri e gli split per aumentare l’efficienza. La manutenzione del condizionatore è fondamentale per evitare gli sprechi.

redazione


454
0
0
0
 
0

454