Non solo WhatsApp: le app alternative gratuite

Snapchat, WeChat, Line, Telegram: sono tutte piattaforme di messaggistica istantanea a costo zero. Come funzionano e perché usarle.

Jan Koum, fondatore di WhatsApp, il 4 settembre ha annunciato con un post sul suo profilo Facebook il record di 900 milioni di utenti attivi – 200 in più rispetto all’inizio dell’anno – che decreta il successo mondiale dell’app. Esistono però tante altre app di messaggistica istantanea gratuite: quali sono e perché sono sempre più scaricate.

Snapchat.com, l’app per i messaggi a tempo. Gratis, molto popolare tra i più giovani e disponibile per Android e iOS (il download si effettua dal sito ufficiale), Snapchat è un’applicazione che permette agli utenti di scambiarsi foto o brevi video (della durata di massimo 10 secondi) che dopo la visualizzazione si cancellano automaticamente: di essi non rimarrà traccia né sul device del mittente né su quello del destinatario. Altro punto di forza dell’app, il fatto che i messaggi possano essere personalizzati: si può aggiungere testo sul contenuto, applicare emoji, usare filtri dinamici ecc. Per usare Snapchat, dopo il download, bisogna creare il proprio account personale: si dovrà scegliere il proprio nome utente e inserire il proprio numero di cellulare per verificare l’identità. A questo punto si può inviare lo “snap”, cioè la foto o il video che dopo un preciso intervallo temporale si autodistrugge. Su Snapchat la funzione di messaggistica istantanea segue le stesse regole dell’invio di foto e video: dopo essere stato letto, il messaggio scomparirà dal telefono di mittente e destinatario come se non fosse mai esistito.

WeChat, l’app che funziona come un walkie-talkie. Inviare testi, foto e video ed effettuare video-chiamate: la piattaforma WeChat offre ai propri utenti i classici servizi di messaggistica istantanea da smartphone, tablet e computer per tutti i principali sistemi operativi (il download è gratis e si effettua dal sito ufficiale). Oltre alle note audio, WeChat dispone anche di un servizio che permette di comunicare live con gli altri utenti, come se fosse un walkie-talkie. WeChat permette pure di conoscere nuove persone attraverso la funzione “Agita”: basterà, appunto, agitare il proprio dispositivo per trovare intorno a sé altri utenti di WeChat che stanno facendo altrettanto. Sul proprio schermo si avrà un elenco di utenti WeChat tra i quali si può selezionare quello da cui si è incuriositi e contattarlo. In più, l’utente può passare da una chiamata vocale a una video-chiamata in maniera dinamica, senza interrompere la conversazione. A differenza di quanto accade su WhatsApp, su WeChat non si può subito chattare con i contatti trovati, ma per messaggiare è necessario inviare una richiesta di contatto che dovrà essere approvata.

Line, l’app che si arricchisce con altre app. Arrivata in Italia nel 2013, oltre alla chat Line offre agli utenti anche telefonate gratis e una timeline in cui pubblicare foto, status e video. Gratis, compatibile con iPhone, Android, Windows Phone, Blackberry e Nokia Asha (il download si effettua dal sito ufficiale), Line mette a disposizione degli utenti anche una serie di app che arricchiscono l’offerta. Tra queste ci sono “Line Here”, che permette di condividere la propria posizione in tempo reale, “Line Deco”, che permette di personalizzare gli sfondi del telefono, “Line Brush”, che permette di ritoccare foto e immagini ecc. La forza di Line, quindi, risiede in un servizio molto completo.

Telegram, l’app che invia foto di altissima qualità. Applicazione di messaggistica istantanea gratuita disponibile per tutti i sistemi operativi (il download si effettua dal sito ufficiale), Telegram è dedicata agli amanti delle foto: consente infatti di inviare foto, video o file fino a 1 GB (WhatsApp non supera i 16 MB), mantenendo contemporaneamente 200 conversazioni. Tutte le conversazioni possono essere cancellate senza lasciare traccia sul server. Se l’utente lo desidera, si può impostare l’auto-distruzione a tempo dei messaggi. È possibile utilizzare Telegram da tablet, computer o smartphone senza problemi: ogni volta che ci si collega al servizio da un device differente, l’app invia informazioni dettagliate su IP e posizione del collegamento. A differenza di WhatsApp, Telegram non comprime le foto e i video inviati: la qualità delle immagini non è alterata, quindi si occupa molto spazio in memoria.

redazione


51
0
0
9
 
0

60