Ho fatto un vero affare, una nuova auto usata

Sempre più italiani scelgono una macchina di seconda mano o a chilometri zero. Dove cercarla e come capire se il prezzo è giusto…

. Cambiare auto e scegliere l’usato. Sono sempre più numerosi gli automobilisti che, per cambiare auto, scelgono il risparmio rivolgendosi al mercato dell’usato e delle vetture a chilometri zero. Non potendo fare a meno dell’automobile, quando devono comprare 58 italiani su cento preferiscono una macchina usata, più della metà (il 51%) punta su vetture a chilometri zero (indagine Duepuntozero Research per Subito.it).

Nuovo/usato. Auto nuove vendute tra gennaio e maggio 2011: 821mila. Auto usate vendute nello stesso periodo: un milione e 222mila. La tendenza è in crescita: l’Osservatorio Findomestic prevede che entro la fine dell’anno un italiano su dieci firmerà un contratto d’acquisto per un’auto usata.

Quotazioni. Per sapere qual è il prezzo giusto per un’auto usata si può consultare una rivista di settore, un sito specializzato gratuito come quotazioneautousate.com o richiedere un parere personalizzato (questa volta a pagamento) a Quotauto, sito del mensile Quattroruote.

Il valore diminuisce. A tre anni dall’acquisto il valore di un’auto diminuisce tra il 40 e il 60%.

Il valore dell’auto di un fumatore. Un’automobile usata da un fumatore perde quasi subito circa 600 euro del suo valore. Motivo: l’odore che persiste nella tappezzeria degli interni.

Chilometri zero. Le vetture a chilometri zero sono auto nuove (o con al massimo 100 chilometri) già targate, immatricolare e intestate, di solito a un concessionario. Capita spesso che un rivenditore, per ottenere particolari agevolazioni, s’impegni con la casa automobilistica a vendere un certo numero di unità in un determinato lasso di tempo. Se non riesce a farlo, le acquista e le rivende con uno sconto che varia dal 20 al 40%.

Un’auto che non si può personalizzare. L’automobile a chilometri zero deve essere scelta tra quelle disponibili e non può essere personalizzata nel colore e negli allestimenti. In più, le macchine a chilometri zero spesso passano molto tempo sui piazzali dei concessionari, sono esposte a fenomeni atmosferici e alla polvere e potrebbero avere piccoli difetti a carrozzeria, gomme, guarnizioni.

Acquistare dal concessionario. L’acquisto presso il concessionario alleggerisce la burocrazia, ma a volte i ricarichi sui costi del passaggio di proprietà possono far variare notevolmente il prezzo finale. Meglio richiedere un preventivo completo di tutte le voci prima di firmare il contratto.

Compravendita tra privati. Nella compravendita tra privati, il venditore deve far autenticare la propria firma sull’atto di vendita e l’acquirente, entro 60 giorni dall’autentica, deve far registrare il passaggio di proprietà all’ufficio provinciale dell’ACI-Pra. È necessario inoltre far aggiornare la carta di circolazione all’ufficio provinciale della Motorizzazione Civile.

Internet, il canale preferito. Il canale preferito dagli italiani per trovare la vettura usata da acquistare è Internet: lo sceglie il 59% di chi deve comprarne una. Sul web è anche cresciuto il numero delle vetture messe in vendita: più 13,28% rispetto al 2009, per un valore di oltre 300 milioni di euro.

La ricerca sul web. La maggior parte delle ricerche avviene nel comune di Milano (40.000), seguito da quello di Roma (25.000) e di Torino (15.000). Ultima Bari a quota 500. Tra i brand più selezionati Fiat, al primo posto con il 18%, Volkswagen con il 9,29 %, Bmw e Audi circa l’8%.

Comprare su Internet, garanzia di risparmio. La ragione principale che spinge a consultare il web per l’acquisto, rispetto al classico concessionario, è il risparmio, che può raggiungere anche i mille euro. A questo si aggiungono la facilità nel reperire le informazioni e la possibilità di scelta, ovviamente più ampia. Moltissimi siti di compravendita online hanno una sezione dedicata alle auto usate, come Subito.it che divide gli annunci per regione, o ebay, dove si trovano centinaia di modelli. Ci sono poi i siti specializzati. Autoscout24 non solo offre il servizio di compravendita auto ma consiglia anche gli utenti su come effettuare la ricerca, la scelta, l’assicurazione, il finanziamento ecc. Su automobile.it privati e concessionari possono vendere e comprare auto, moto e veicoli commerciali, e grazie alla sezione Il mio parcheggio chi deve acquistare può “parcheggiare” fino a cinquanta veicoli selezionati tra le inserzioni per osservarne gli sviluppi e confrontarli.

Documenti in regola. Le auto in vendita devono essere in regola con la revisione, il certificato di proprietà, il bollino blu (per le città in cui è previsto) e la ricevuta del bollo. In caso di compravendita la ricevuta del bollo deve rimanere al vecchio proprietario, ma è sempre meglio procurarsene una copia. Fondamentale, poi, accertarsi che l’atto di acquisto venga effettivamente trascritto e che le richieste di pagamento della tassa di proprietà degli anni precedenti siano state evase, per non ricevere multe indesiderate.

Auto storiche. Nel caso di veicoli storici, è necessario controllare che l’auto non sia stata radiata dal Pra (Pubblico registro automobilistico): in quel caso bisognerà effettuare di nuovo l’immatricolazione.

Garanzia sull’usato. Per un acquisto da privato a privato non ci sono norme che regolino la garanzia sull’usato. Se ci si rivolge a un concessionario, si può contare sulla garanzia europea di vendita sui beni usati acquistati da esercenti, valida un anno.

Dalle flotte aziendali al privato. Una delle fonti di auto usate del mercato sono i parchi aziendali, che per accordi con le case automobilistiche e per una questione di immagine si rinnovano all’incirca ogni sei mesi. In questo caso i veicoli hanno rispettato i programmi di manutenzione indicati e si trovano spesso in ottime condizioni. Arval, tra le più grandi società di noleggio a lungo termine in Italia, ha aperto una catena di outlet per la vendita diretta dell’usato (quindici negozi su tutto il territorio nazionale). Sul sito si possono vagliare le offerte, scegliendo in base alla marca, al modello ma anche alla fascia di prezzo e ai chilometri percorsi.

Comprare all’estero. Acquistare auto usate all’estero si può e in qualche caso è molto conveniente, se per esempio si prendono in considerazione modelli con maggiore diffusione rispetto al nostro mercato o vetture particolari. La difficoltà maggiore è l’immatricolazione del veicolo con targa italiana. Per la traduzione delle normative, la certificazione di conformità, i passaggi burocratici ecc. ci si può rivolgere alle agenzie specializzate (tra quelle che offrono consulenza online ci sono Massarenti, studio di consulenza che opera dal 1971, o l’Agenzia Clazzer, sul mercato da trent’anni).

redazione


6
0
0
0
 
0

6