Guida alla guida

I consumi e le emissioni di Co2 delle automobili sul mercato, i modelli meno inquinanti, i consigli su come guidare e su come fare una corretta manutenzione della propria vettura. Come leggere il manuale del ministero…

Guida al risparmio, edizione 2013. I ministeri dello Sviluppo economico, dell’Ambiente e delle Infrastrutture hanno pubblicato l’edizione 2013 della “Guida al risparmio di carburante e alle emissioni di anidride carbonica delle autovetture”. Previsto da una direttiva europea, il manuale fa il punto su consumi di carburante e su quantità di anidride carbonica prodotta dalle auto in vendita al 28 febbraio 2013 e contiene anche la graduatoria dei modelli che emettono meno Co2 divisi per alimentazione a benzina o a gasolio. Un capitolo a parte, poi, è riservato ai modelli a Gpl o metano e a quelli a trazione completamente elettrica.

L’Italia, prima al mondo per auto private. L’Italia è il paese al mondo con più auto pro-capite (1,63 persone per vettura nel 2011). E non è tutto. Da noi circolano 37,11 milioni di veicoli che ogni anno percorrono circa 13mila km, il 26% in più della media europea. Nel 2011 la densità automobilistica italiana, cioè il numero di autovetture per 1000 abitanti, era di 612: il 20% in più di Germania, Francia, Spagna e Gran Bretagna.

Sempre meno emissioni di anidride carbonica. Tra il 2011 e il 2012 sono stati fatti passi da gigante nella riduzione del livello medio di emissioni delle autovetture. Dice l’Agenzia europea per l’Ambiente che la media ponderata delle emissioni di anidride carbonica delle autovetture immatricolate in Italia è ulteriormente diminuita negli anni considerati, tanto che già nel 2011 è stato raggiunto l’obiettivo di 130 g/ km fissato come obiettivo dall’Unione Europea per il 2015, e nel 2012, secondo dati provvisori, si è toccata quota 129,9 g/km. Se il miglioramento è generalizzato, diverse sono le strade percorse dai produttori per conseguirlo: alcuni hanno puntato sulla propulsione a benzina tradizionale; altri hanno scommesso sulla propulsione ibrida o diesel.

Comportamenti virtuosi alla guida. La guida illustra anche una serie di comportamenti virtuosi per gli automobilisti, per attuare una guida ecocompatibile, guidare in maniera più sicura e risparmiare carburante.

Regole per una guida corretta ed ecocompatibile e per la manutenzione del veicolo

  • Dopo aver messo in moto la vettura, accelerare gradualmente e inserire appena possibile la marcia più alta.
  • Mantenere una velocità moderata e uniforme, evitando brusche frenate e cambi di marcia inutili. Quando si decelera, farlo gradualmente, rilasciando l’acceleratore.
  • Mantenere la pressione di gonfiaggio degli pneumatici entro i valori raccomandati. Controllarli almeno una volta al mese: se la pressione è bassa, il consumo di carburante aumenta.
  • Rimuovere portasci o portapacchi dopo l’uso e trasportare solo oggetti indispensabili mantenendo il veicolo, per quanto possibile, nel proprio stato originale.
  • Utilizzare i dispositivi elettrici solo per il tempo necessario, limitando, per esempio, l’uso del condizionatore, che incrementa il consumo di carburante fino al 25%.
  • Eseguire i controlli e le registrazioni previste dalla casa costruttrice. Cambiare l’olio quando necessario e smaltirlo correttamente.
  • Spegnere il motore in caso di sosta o di fermata prolungata.
  • Decelerare, preferibilmente, rilasciando il pedale dell’acceleratore e mantenendo la marcia innestata, facendo attenzione a evitare il fuori giri per non danneggiare il motore.
redazione


11
0
0
3
 
0

14