Expo riapre ed è gratis: cosa si può fare

Mostre, street food, partite, children park, spiaggia urbana: fino al 20 settembre si entra gratis nell’area dell’ex Expo per un programma ricco di attività.

Riapre al pubblico l’area Expo dal 27 maggio al 20 settembre 2016. Milanesi e turisti possono tornare, nei fine settimana dalle 14.00 alle 23.00 (ma ci saranno anche aperture straordinarie), a frequentare gratuitamente l’area di Expo. Non mancherà lo spettacolo dell’Albero della Vita, verrà riaperto il  Palazzo Italia e lungo il Cardo si terrà un festival di street food quotidiano, con animazioni e concerti. Non finisce qui: i 193.000 metri quadrati comprenderanno cinque mostre artistiche e un orto planetario allestiti nell’ambito della ventunesima Triennale internazionale; in più verranno aperti il Pianeta Lombardia, l’Open air theatre e il Children Park. Scopriamo insieme cosa si potrà fare nell’ex area di Expo tra arte, sport, relax e intrattenimento per adulti e bambini.

L’Albero della Vita si riaccende. La grande attrazione dell’Esposizione Universale sarà riaccesa in tutto e per tutto, compresa la tecnologia di luci e suoni, con gli stessi spettacoli visti fino ad ottobre 2015. Ogni ora effetti speciali, giochi d’acqua e laser animeranno di nuovo il Lake Arena, l’area situata all’estremità nord di Expo, di fianco al Palazzo Italia. Si potrà assistere allo spettacolo – della durata di 3’.30″ – seduti sulle gradinate nella piazza circostante. Consiglio: cercate di godervi lo show nelle ore serali, lo spettacolo è molto più suggestivo dopo il tramonto per la straordinaria illuminazione.

L’arte in primo piano. La ventunesima Triennale allestisce cinque mostre racchiuse nel titolo «City after the city» (ovvero il superamento della città moderna) estensione del tema «Design after Design», con dispositivi multisensoriali e spaziali, un’esposizione sulla Street Art, installazioni video e proiezioni. Le mostre si trovano nei due padiglioni che ospitavano il Future Food District e il Centro congressi. In mezzo sorgerà un Orto Planetario, destinato a diventare il più variegato d’Italia in uno spazio verde di 3000 mq.

L’orchestra della Scala. La Nona di Beethoven si potrà ascoltare il 9 luglio all’Open Theatre dell’Expo, con il coro e l’orchestra della Scala. Sarà solo l’inizio di una serie di concerti della Filarmonica che si terranno gratuitamente fino a settembre (a breve verrà reso pubblico il programma, vi terremo aggiornati!).

Palazzo Italia. Il palazzo, che si presenta come una foresta pietrificata di grande complessità tecnica, costituito da 700 pannelli di bio-cemento bianco, verrà riaperto al pubblico, con esposizioni e installazioni sul concetto di crescita sostenibile, tutto gratuitamente.

Il Padiglione Lombardia. Il 29 maggio, in occasione della Festa della Lombardia, è stato riattivato il padiglione Pianeta Lombardia, da cui partirà la grande iniziativa dell’Anno del Turismo: una serie di eventi su tutto il territorio regionale, per la quale verranno raccolte idee e distribuito materiale per fare  della Lombardia un luogo di grande attrazione anche per i turisti.

Sport: dai campetti da calcio ai megaschermi per Europei e Olimpiadi. Una grande novità saranno i nuovi impianti sportivi, come i campi da calcetto, le pareti per l’arrampicata e gli spazi per il beach volley. La sabbia sarà presente anche nella nuova “area relax”, una spiaggia urbana dove ci si potrà rinfrescare con fontane. Ad attirare i giovani contribuiranno anche i megaschermi sui quali si potranno seguire (in questo caso non solo durante il fine settimana, ma con aperture straordinarie) le partite degli Europei di calcio e le Olimpiadi.

La zona di cantiere. Nel frattempo proseguirà lo smantellamento dei padiglioni di Expo, e quest’area di cantiere verrà separata dallo spazio fruibile con delle pareti artistiche che hanno già iniziato a sorgere.

Come arrivare all’area Expo? Durante il periodo di riapertura, attraverso la porta d’ingresso ovest Triulza è attivo il collegamento alla fermata della metropolitana Rho-Fiera (MM1) e alla stazione ferroviaria di Rho. Prevista inoltre l’apertura di una linea autobus tra l’Ospedale Sacco e la fermata della MM1 di Rho. Per chi si sposta in bicicletta, le connessioni ciclopedonali approdano all’area da Est (dal cavalcavia in prossimità dell’Ospedale Sacco) e da Ovest (da via Grandi e via De Gasperi).

redazione


1209
0
0
2
 
0

1211