Come scegliere il notebook perfetto

Ram, dimensioni dello schermo, scheda video, durata della batteria, sistema operativo… gli aspetti da considerare prima dell’acquisto di un computer portatile sono tanti. Consigli pratici per scegliere quello giusto per ogni esigenza.

Pc portatile, per quale utilizzo? Diffusissimi, disponibili in svariate dimensioni e con un’ampia gamma di opzioni, i notebook sono in grado di soddisfare molteplici esigenze, lavorative e ricreative. Abbiamo già parlato delle buone regole da seguire quando compriamo un nuovo device tecnologico.  Prima di procedere con l’acquisto di un pc portatile, però, bisogna chiedersi quale sarà il suo utilizzo e quali sono le dimensioni e il peso adatti alle proprie esigenze.

Occhio al peso. Il luogo in cui il computer portatile sarà utilizzato per la maggior parte del tempo è uno dei criteri più importanti da tenere in considerazione. I notebook, infatti, hanno un peso generalmente compreso tra i 900 grammi e i 5 kg: preferire un apparecchio più leggero sarà indispensabile per chi corre da una riunione all’altra o è sempre in viaggio. Chi, invece, ne fa un uso più domestico, potrà orientarsi anche verso un apparecchio dal peso meno contenuto, a fronte magari di uno schermo più ampio.

Schermo grande o piccolo? Lo schermo di un portatile può avere dimensioni molto diverse, variando dai 10 ai 18 pollici o anche più. Pure in questo caso la scelta dipende dall’uso: uno schermo piccolo può essere difficile da leggere, ma è più leggero e facile da trasportare. Uno schermo grande, più ingombrante, permette invece una lettura più comoda. In generale si può dire che la dimensione dello schermo ideale è compresa tra i 12 e i 14 pollici. Ricordarsi, poi, che non c’è più alcun legame tra la dimensione dello schermo e la sua risoluzione.

Controllare la velocità del processore. Indipendentemente dall’attività svolta, bisogna accertarsi che il computer portatile sia abbastanza potente da eseguire le operazioni richieste. Per prima cosa, quindi, controllare la velocità del processore, ovvero con quanta rapidità esegue i programmi e le attività su schermo. Se si pensa di utilizzare il notebook per eseguire programmi di giochi con molta grafica o vedere film è consigliabile dotarsi di un processore molto potente.

Tenere d’occhio Ram e disco rigido. La Ram è la memoria temporanea di un computer, cioè quello spazio in cui si salvano i dati utilizzati durante l’esecuzione di un qualunque programma. I portatili più a buon mercato hanno 3 GB di Ram, quelli di fascia media 4 GB, i più pregati possono arrivare a 8 GB. In generale si può dire che maggiore è la Ram più alto sarà il numero di programmi eseguibili contemporaneamente e migliori saranno le prestazioni. Discorso a parte merita il disco rigido: maggiore è la sua capacità, più dati possono essere archiviati. Per prestazioni ragionevoli, accertarsi che il disco rigido non sia inferiore agli 80 GB.

Porte usb, bluetooth, tastiera. Altre cose da tenere presenti nella scelta del pc sono il numero delle porte Usb, la porta Hdmi per avere la possibilità di collegarlo al televisore, il supporto Bluetooth, la tastiera (sulla maggior parte dei pc portatili manca il tastierino numero, superfluo a meno che non lo si usi abitualmente), la scheda video, le unità ottiche (il lettore Cd/Dvd, che vale la pena avere) ecc.

Chi non vuole il sistema operativo, chieda il rimborso. Sul pc portatile  sarà installato un sistema operativo. Tuttavia, così ha stabilito una recente sentenza della Corte di Cassazione, l’acquisto non comporta l’obbligo di utilizzo del software preinstallato. Per questo motivo il consumatore ha diritto a ottenere il rimborso della parte del prezzo “relativo alla licenza d’uso del programma informatico non negoziato con il venditore”, quindi del software. In virtù di questa sentenza, Hewlett-Packard, uno dei marchi leader nel settore dei personal computer, è stato condannato a restituire 140 euro oltre a spese e interessi a un consumatore fiorentino che aveva fatto ricorso. Per ottenere il rimborso l’Aduc, l’Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori, ha predisposto sul suo sito un modulo per la Richiesta rimborso Microsoft Windows preinstallato. Se il tentativo non dovesse andare a buon fine, sarà possibile promuovere una causa contro il produttore.

redazione


154
1
0
6
 
0

161