5 domande da porsi prima di cambiare lavoro

Dai guadagni alla voglia di affrontare nuove sfide, gli aspetti da tenere in considerazione prima di decidere se lanciarsi in una nuova avventura professionale.

Secondo un recente studio di Executive Hunters, società del gruppo Technical Hunters, ogni anno 1,5 milioni di italiani cambiano volontariamente lavoro. In un mercato di lavoro che mostra qualche segno di dinamismo rispetto al passato – a novembre 2015, dice l’Istat, il tasso di disoccupazione (rapporto tra il numero di disoccupati e la forza lavoro) ha raggiunto quota 11,3%, la più bassa degli ultimi tre anni, e il tasso di occupazione (rapporto tra occupati e la forza lavoro) è salito dello 0,1%, attestandosi al 56,4% – cambiare lavoro può essere un’impresa meno complicata di qualche anno fa. Prima di fare questo passo, però, è meglio porsi alcune domande per capire se è davvero il momento giusto per farlo.

1. Posso guadagnare di più? Secondo la ricerca di Executive Hunters, lo spostamento da un’azienda all’altra può generare, in media, un rialzo nelle retribuzioni del 10%, con picchi del 20%. Prima di decidere di andarsene, però, conviene riflettere sulla propria posizione lavorativa attuale e capire se ci sono i margini per chiedere un eventuale aumento di stipendio. In caso contrario, è giusto guardarsi intorno e proporsi per nuove attività lavorative (anche attraverso un colloquio online). Il fattore economico, però, non dovrebbe essere l’unica motivazione al cambiamento: la rincorsa di condizioni più invitanti può gonfiare le aspettative e creare una specie di frustrazione sistematica su “quello che si meriterebbe” e tarda a presentarsi in busta paga.

2. Mi conviene migliorare la mia formazione? Prendersi una pausa dal lavoro può servire anche per migliorare la propria formazione, per esempio frequentando un master. Questa scelta si rivela vincente anche dal punto di vista economico: Mercer, società che si occupa della rilevazione delle retribuzioni nel mondo, calcola che un giovane italiano con la laurea triennale al primo impiego guadagna circa 24.930 euro lordi all’anno. Questa cifra sale a 26.046 euro con una laurea specialistica (3+2 anni), a cui si aggiungono ulteriori 664 euro se, dopo la laurea tradizionale, si è conseguito anche un master.

3. Mi sento realizzato? Arrivati a un certo punto della propria carriera ci si può rendere conto di voler fare altro e di volersi allontanare da una situazione poco gratificante. Le mansioni svolte, il collocamento gerarchico, l’anzianità lavorativa e il livello di responsabilità, infatti, sono dimensioni che influenzano la percezione di sé e l’autostima. Se ci si accorge di vivere una situazione poco gratificante, può essere arrivato il momento giusto per cercare un nuovo lavoro, indipendentemente dal contesto retributivo.

4. Può farmi bene un periodo all’estero? Un periodo più o meno lungo all’estero non può che arricchire il curriculum, migliorando nel tempo anche la propria posizione economica. Secondo l’ultimo Rapporto Italiani nel mondo 2015 della Fondazione Migrantes, nel 2014 gli espatri sono stati 101.297, il 7,6% in più rispetto al 2013. L’anno scorso le mete preferite dagli italiani sono state Australia, nota per i suoi buoni stipendi per quasi tutte le professioni e le categorie, il Lussemburgo, dove il salario minimo è di circa 8 euro l’ora, il Belgio e la Germania.

5. Voglio affrontare nuove sfide? La ricerca di Executive Hunters sottolinea che il desiderio di nuovi stimoli professionali, soprattutto tra gli under 40, può spingere alla ricerca di occasioni lavorative diverse da quelle già formalizzate. Attenzione però a valutare bene questo aspetto. Se da una parte la spinta al cambiamento rafforza la creatività, dall’altra il continuo passaggio da un’azienda all’altra può disperdere l’energia e dare una cattiva impressione a livello di curriculum. Una sana spinta all’auto-realizzazione, quindi, deve essere perseguita senza eccessi, per non correre il rischio di bruciare la propria credibilità.

redazione


412
0
144
2
 
0

558