5 consigli per scegliere il router Wi-Fi

Casa grande o appassionati di film in streaming? Meglio scegliere un router wireless potente. Guida alla scelta per tutte le esigenze

  • NetGear Nighthawk X10, indicato per lo streaming di contenuti di qualità in formato 4K o per il Gaming professionale

    NetGear Nighthawk X10, indicato per lo streaming di contenuti di qualità in formato 4K o per il Gaming professionale

  • TPLINK TD-W8960N è un modello base ed economico compatibile con le connessioni ADSL2

    TPLINK TD-W8960N è un modello base ed economico compatibile con le connessioni ADSL2

  • FRITZ!Box 7490 è un router/modem veloce e trasmette a doppia banda

    FRITZ!Box 7490 è un router/modem veloce e trasmette a doppia banda

  • Dual band anche per il velocissimo router Netgear D6400

    Dual band anche per il velocissimo router Netgear D6400

  • L’atteso Google WiFi, router modulare intelligente che si auto configura

    L’atteso Google WiFi, router modulare intelligente che si auto configura


Chi sottoscrive un abbonamento ADSL, spesso sceglie di ricevere anche il router Wi-Fi in comodato d’uso. Tuttavia, questi router spesso presentano costi in bolletta aggiuntivi sull’abbonamento e sono generalmente dispositivi di media capacità. Chi desidera un router con prestazioni migliori, per connettersi al meglio in uno spazio grande (ad esempio, un’abitazione a due o più piani), per guardare film in streaming in HD online o per collegare numerosi dispositivi, può acquistarne uno in autonomia, scegliendo il migliore in base alle reali necessità e alla connessione di casa. Ecco la guida, caso per caso.

  1. Scegliere il router in base alla propria connessione ADSL. La prima regola per acquistare un router Wi-Fi è quella di scegliere il modello giusto, in base al contratto ADSL sottoscritto e alla tipologia della propria linea dati. Se la velocità della banda larga di casa è superiore a 7 Mega, dovremo acquistare un router di tipo ADLS 2 o meglio ADSL 2+ per poter gestire la velocità massima senza rallentamenti. La configurazione del router, per adeguarlo alla propria connessione, si fa solitamente inserendo i parametri di configurazione ADSL forniti dall’operatore, all’interno della pagina di configurazione del dispositivo, raggiungibile digitando l’indirizzo di rete del router, solitamente “192.168.1.1”, nella barra degli indirizzi del proprio browser.
  2. Preferire un router con funzione modem. Quando acquistate uno di questi dispositivi, fate sempre attenzione che sulla confezione sia riportato il termine “Modem/Router ADSL”, in modo che l’apparato possa simultaneamente connettersi alla linea dati dell’abitazione e smistare il traffico tra i vari dispositivi. Se vi procurate un semplice router, privo della funzione modem, dovrete fare un secondo acquisto per abilitare la connessione finale.
  3. Quando serve un router con un segnale Wireless più potente. I router Wi-Fi economici sono sufficienti a distribuire la connessione wireless verso dispositivi collocati in ambienti fino a 70 metri quadrati, dotati di un singolo piano. I router entry-level sono dotati di massimo due antenne esterne e utilizzano una sola banda di trasmissione da 2,4 GHz, sfruttando lo standard Wireless 802.11n. Se vogliamo fornire una buona copertura Wi-Fi per edifici più grandi, dovremo optare per router più performanti, dotati di antenne esterne ad alto guadagno (solitamente tre), in grado di combinare contemporaneamente due bande di trasmissione su frequenze differenti (2,4 e 5 GHz), arrivando a trasmettere dati con velocità di trasferimento più elevate e possibilmente compatibili con il futuro standard 802.11ac. Quanto alla protezione della propria rete e alla crittografia del segnale Wireless, controllate sempre che il router sia compatibile con quella di tipo WPA2-AES che sarebbe bene utilizzare sempre.
  4. Per streaming e Smart Tv, meglio i router dual band o multi-core. Se avete una Smart Tv oppure utilizzate tablet e computer per guardare film o eventi in streaming, sarà meglio acquistare un router wireless in grado di gestire la doppia banda di trasmissione. I router dual-band possono trasmettere contemporaneamente segnali wireless sulla classica frequenza da 2,4 GHz, che potremo utilizzare per navigare online e su quella più elevata da 5Ghz per connettere televisori o dispositivi e guardare eventi su portali quali Netflix, Infinity e SKyGo. La banda da 5Ghz è difatti meno congestionata di quella classica ed è quindi più stabile per la trasmissione di dati corposi. Se intendete avvalervi di contenuti in streaming video HD/4K, sarà utile optare per dispositivi dotati di processore multi-core, come il nuovissimo NetGear Nighthawk X10, indicato per lo streaming di contenuti di qualità in formato 4K o per il Gaming professionale.
  5. I router più interessanti a partire da 40 euro. Un router wireless semplice, come il TPLINK TD-W8960N o il NetGear N300, costa meno di 40€ ed è compatibile con le connessioni ADSL2, permettendo il collegamento simultaneo di smartphone, pc e tablet in tutta la propria abitazione. Dispositivi più complessi, che trasmettono in doppia banda come Netgear D6400, TPLINK Archer VR900 o FRITZ!Box 7490, sono invece più veloci e costosi, compatibili con le connessioni ADSL e VDSL ma superano di gran lunga i 100€. I router di fascia alta si adattano a tutti gli edifici (anche su più piani) e le connessioni, garantendo risultati ottimali per la maggior parte delle esigenze. Nei prossimi mesi dovrebbe arrivare sul mercato il nuovo Google Wifi, il router modulare intelligente che si auto configura alla linea dati e gestisce autonomamente il traffico all’interno della propria abitazione.

 

 

Didascalie:

DAVIDE CAPROTTI
passionetecnologica.it
Davide Caprotti


228
0
0
1
 
0

229