5 app per essere più produttivi sul lavoro

Organizzare l’agenda, ricordarsi gli impegni, condividere file e documenti: c’è un’app per ogni esigenza professionale. Ecco le migliori.

Organizzare la propria giornata lavorativa in modo da ottenere il massimo senza sovraccaricarsi a volte sembra difficile. Il primo consiglio per aumentare la produttività è imparare a gestire le e-mail risparmiando tempo. Per tutto il resto, fortunatamente, ci vengono in aiuto le app. Ecco le migliori per scrivere in team, organizzare liste, impegni e documenti e rilassarsi durante il lavoro o le pause.

1. Organizzare gli impegni. Oltre a Calendar di Google, che consente di fissare e visualizzare gli impegni per se stessi e per i colleghi, la lista di app per le to-do list è infinita. Any.do, per iOS e Android , è gratuita e perfetta per organizzare la produttività personale. Wunderlist (gratis per iOS e Android e disponibile anche in versione Pro) è una delle applicazioni per elenchi di attività più completa sul mercato. Per account, agenti di commercio, e altre figure professionali che hanno bisogno di gestire numerosi contatti e appuntamenti, c’è Sellf, app gratuita nata nel 2015 che permette di raccogliere tutti gli impegni, i contatti e le riunioni di lavoro.

2. Documenti organizzati e sempre con sé. Segnalata da Apple tra le app più innovative del 2015, Quokky riconosce automaticamente i documenti dalla fotocamera, da Gmail e da Dropbox e li organizza, facilitandone la ricerca ed estrapolando i dati. Made in Italy e gratuita (anche se prevede eventuali acquisti in-app da 0.99 a 9.99 euro), Quokky archivia file, foto e documenti per tenerli sempre con sé.

3. Scrivere in team, ovunque. Le app di Google permettono di scrivere a più mani documenti di vario tipo (testi, fogli di calcolo, moduli e presentazioni), modificarli, salvarli, condividerli, accedendo anche offline, per esempio mentre si è in aereo. Il tutto gratis. Per archiviare in cloud in tutta sicurezza ci sono Google Drive, a cui si accede da qualunque dispositivo semplicemente facendo il login, Dropbox, che consente di archiviare gratuitamente fino a 8GB, e iCloud che sincronizza i dati tra tutti i dispositivi Apple.

4. Il sottofondo giusto. C’è chi per essere produttivo ha bisogno di ascoltare qualcosa, che si tratti di musica o di rumore bianco. Le app Spotify e YouTube Music mettono a disposizione in streaming gratuito milioni di brani musicali, consentendo di salvare le canzoni preferite, condividere musica su Facebook e, per chi acquista l’abbonamento premium di Spotify (€ 9,99 al mese), di ascoltare anche offline. Per gli appassionati del rumore bianco c’è l’app White Noise, disponibile a 1,99 dollari su iTunes e GooglePlay.

5. L’ora della pausa. Per evitare stress, dolori muscolari o momentanei disturbi visivi conviene prendersi un break a intervalli regolari. Per proteggere la vista c’è PYV, un plug-in per Chrome, Firefox e Safari che ci avverte quando occorre staccare gli occhi dallo schermo. Per fare una pausa rigenerante con suoni, forme e colori rilassanti, c’è Pause, disponibile a 1,99 dollari su iTunes e Google Play. E per chi si rilassa giocando, ci sono tanti videogiochi disponibili gratuitamente online su YouTube Gaming e su Amazon Underground.

 

 

redazione


233
0
13
4
 
0

250